VIDEONEWS & sponsored

(in )

RAI * ASCOLTI TV DOMENICA 20 MAGGIO : FAZIO VINCE PRIME TIME, BENE “DOMENICA IN” BOOM DI ASCOLTI PER IL GIRO

“Che tempo che fa” condotto da Fabio Fazio, su Rai1, vince ancora la prima serata, con 3 milioni e 423 mila spettatori (14-8 di share), risultando il programma più visto del prime time televisivo di ieri, domenica 20 maggio.

A seguire bene anche “Che tempo che fa – Il Tavolo”, seguito da 1 milione 827 mila spettatori, con il 13.3.

Sempre in prima serata, su Rai2 il telefilm “Ncis Unità Anticrimine” è stato visto da 2 milioni 3 mila spettatori, pari ad uno share del l’8.2, mentre l’episodio di “Instinct”, a seguire, ha fatto registrare 1 milione e 601 mila spettatori, con il 7, mentre su Rai3 il programma “Un giorno in pretura” condotto da Roberta Petrelluzzi, è stato visto da 1 milione 84 mila spettatori, con uno share del 4.9.

Nel preserale di Rai1 “L’Eredità” si è confermato il programma più visto della fascia oraria, totalizzando 3 milioni e 618 mila spettatori, con il 20.2 di share.
Per quanto riguarda la programmazione sportiva su Rai2, grandissimo ascolto, nel pomeriggio, per la tappa del “Giro d’Italia” vista da 2 milioni e 396 mila spettatori, pari al 16.9 di share, saliti a 2 milioni 717 mila con il 19.5 all’Arrivo.

Per quanto riguarda il calcio, invece, “in seconda serata “La Domenica sportiva” è stata vista da 1 milione e 327 mila spettatori, pari ad uno share del 9.8.

Da segnalare, inoltre, su Rai1 “Linea verde”, con 2 milioni e 715 mila spettatori (share del 19.1) e l’ottimo risultato di “Domenica In” con quasi 2 milioni e mezzo di spettatori (per la precisione 2 milioni 434 mila) e il 15.7 di share.

Nel pomeriggio di Rai3, infine, bene “Mezz’ora in più”, condotto da Lucia Annunziata, che ha ottenuto 1 milione e 265 mila spettatori, con l’8.2 di share.

Complessivamente, le reti Rai si sono aggiudicate la prima serata con 7 milioni e 902 mila spettatori e il 33.8 di share, la seconda serata con 3 milioni 766 mila e il 32.23 e l’intera giornata con il 35.6 e una media di 3 milioni e 847 mila.