VIDEONEWS & sponsored

(in )

QUESTURA TRENTO * GARDOLO: « PUSHER IN MONOPATTINO, ARRESTATO UNO SPACCIATORE TUNISINO DI 24 ANNI TROVATO IN POSSESSO DI 19 DOSI DI COCAINA E 1.300 EURO IN CONTANTI »

Nel week end la Squadra Mobile, sezione contrasto al crimine diffuso, “gli Orsi”, hanno arrestato uno spacciatore tunisino di 24 anni trovato in possesso di 19 dosi di cocaina e 1300 euro in contanti.

Da tempo gli investigatori della Squadra Mobile erano sulle tracce dello “spacciatore del monopattino”, così chiamato dagli stessi cittadini che ne hanno segnalato la presenza alla Polizia.
In Piazza Dante, così come Piazza della Portela, gli agenti della Squadra Mobile, ed anche delle Volanti, sono stati più volte fermati da passanti che hanno visto lo spacciatore avvicinarsi, anche in pieno giorno, agli acquirenti per vendere la droga.

Le segnalazioni, raccolte dagli agenti della Questura di Trento in giro per la città, indicavano un uomo di carnagione olivastra presentarsi in piazza con un monopattino, consegnare la droga ed allontanarsi, in più d’una occasione salendo con lo stesso monopattino su di un autobus in direzione Gardolo.

Pertanto, “gli Orsi” hanno immediatamente iniziato a scandagliare la città, avendo conferma, anche grazie alla collaborazione dell’azienda Trentino Trasporti, della presenza a bordo degli autobus di un giovane magrebino, con al seguito un monopattino, diretto, più volte nel corso della stessa giornata, dalla zona nord della città verso il centro .
Confusi da giorni tra i passeggeri delle linee che da Gardolo servono il centro città, gli investigatori della Squadra Mobile di Trento hanno potuto osservare con attenzione i movimenti dei pendolari, complice anche la diminuzione dell’utenza, connessa alla pandemia ed alle misure restrittive imposte per contenerla.
Nel pomeriggio di Sabato, uno degli agenti della sezione contrasto al crimine diffuso ha notato come un passeggero avesse fatto almeno tre viaggi da Gardolo verso il centro di Trento e ritorno, portando sempre con se il monopattino.

Pertanto, una volta che il giovane magrebino è salito in Piazza Dante per ritornare verso Gardolo, gli Orsi hanno deciso di seguire con attenzione lo straniero. Un agente è rimasto sull’autobus come fosse un passeggero, e gli altri agenti, a bordo d’una autovettura, hanno seguito la corriera diretta a nord della città.
Arrivato all’altezza di viale Brennero, il giovane è sceso dalla corriera ed ha continuato il percorso utilizzando il monopattino. A questo punto, lo spacciatore è stato preso in consegna dal resto della sezione contrasto al crimine diffuso, che l’ha seguito a distanza osservandone con attenzione i movimenti. Gli agenti, resisi conto, che il pusher fosse diretto verso il parcheggio di punto vendita della grande distribuzione alimentare, situato i via Soprasasso, hanno anticipato il giovane, attendendolo nel parcheggio fuori dalla macchina.
Una volta giunto a bordo del proprio monopattino nell’area di sosta del supermercato, il pusher si è avvicinato ad una macchina, porgendo al conducente una dose di cocaina, ricevendo 50 euro in cambio.

Gli agenti della Squadra Mobile non appena si è perfezionato l’acquisito, sono piombati su spacciatore ed acquirente. Il pusher, vistosi perso, ha iniziato fuggire tentando anche di colpire al volto con un pugno uno degli agenti della Squadra Mobile. Ma il colpo, grazie alla prontezza dello stesso agente non è andato a segno.
Una volta immobilizzato lo spacciatore, “gli Orsi” hanno recuperato la droga che il giovane ha provato a buttare nel tragitto impiegato per la fuga, per l’appunto 19 dosi di cocaina, l’hanno sequestrata così come il denaro, in tutto1300 euro in banconote di medio e piccolo taglio
L’uomo è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Spini di Gardolo.