INTERVISTA A VANESSA MASÈ (La Civica)

Il bilancio della prima legislatura in Consiglio provinciale Trento

***

INTERVISTA A SENATORE ANDREA DE BERTOLDI - AMMINISTRATIVE TRENTO 2020

Perché all'interno di Fratelli d'Italia in Trentino non vi è condivisione attorno al nome di Baracetti?

Verso le ore 17.15 di ieri, le Volanti della Questura sono intervenute a Romagnano di Trento, presso la locale farmacia, per una rapina in corso.

Gli agenti, giunti sul posto, apprendevano dal personale impiegato nell’esercizio che, poco prima, una donna era entrata nella farmacia brandendo un grosso coltello da cucina ed aveva minacciato una delle due impiegate, strattonandola, al fine di farsi consegnare l’incasso di giornata. La donna aveva tentato di aprire la cassa gridando: “datemi l’incasso, datemi l’incasso”.

L’impiegata, in tal frangente, riusciva a divincolarsi e con l’aiuto dell’altra farmacista riusciva ad arginare l’azione della donna e a disarmarla. Le farmaciste riuscivano inoltre a dare l’allarme alla Questura.

La rapinatrice, resasi conto dell’imminente arrivo della polizia, si dava alla fuga abbandonando il coltello a terra. La stessa veniva notata poco dopo da un poliziotto della Questura di Trento, presente in zona ma libero dal servizio, che indicava alle volanti che la stavano cercando il luogo in cui si era rifugiata: la propria abitazione nella zona sud dell’abitato di Romagnano.

Grazie alla pronta azione delle Volanti la donna, E. B. di anni 37, con precedenti di polizia a carico, abitante nel sobborgo di Romagnano, veniva quindi intercettata. La stessa ammetteva di essere l’autrice del fatto criminoso. Veniva pertanto tratta in arresto per il reato di tentata rapina aggravata e messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso la Casa Circondariale di Spini di Gardolo.