VIDEONEWS & sponsored

(in )

QUESTURA DI TRENTO * RIVA DEL GARDA: « DENUNCIATE DUE PERSONE, UN CITTADINO DI ARCO PER SPACCIO ED UN MAROCCHINO PER FURTO AL LIDO PALACE »

Continuano i controlli della Polizia di Stato per far rispettare le misure emanate dal Governo per contrastare la diffusione del coronavirus.

Anche dopo la ricorrenza del 1 maggio, vengono attuate le misure di controllo, al fine di monitorare e controllare gli spostamenti non autorizzati dei cittadini.

A seguito di tali attività, nelle settimane successive alla Pasqua, la Polizia di Stato ha contestato alcune sanzioni amministrative previste dall’ art. 4 comma 1, d.l. 25.03.2020 n.19.

Accanto ai numerosi controlli volti all’attuazioni delle disposizioni governative il Questore Cracovia ha disposto l’aumento le misure di contrasto dei fenomeni criminali ed in particolare contro la microcriminalità.

In tale ambito gli investigatori del Commissariato di Riva del Garda la sera di giovedì 30 aprile hanno denunciato un cittadino di Arco per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

L’uomo verso le ore 22.00, nell’ambito dei controlli contro il coronavirus veniva fermato a Nago per verificare i motivi della sua presenza in quel comune. A fronte di risposte evasive e poco credibili circa le ragioni del movimento in auto, il giovane veniva sottoposto a perquisizione personale durante la quale, gli Agenti del Commissariato di PS di Riva del Garda, rinvenivano circa 30 grammi di hashish e alcune dosi di cocaina. Nell’auto veniva, inoltre, recuperata una borsa con del materiale per il confezionamento della droga ed, infine, una somma di euro 1.030.00 euro. Per tale motivo la droga ed il denaro veniva sequestrato e l’uomo denunciato per violazione della legge sulla droga.

Sempre a Riva del Garda la Volante del Commissariato ha denunciato un ventenne marocchino per furto aggravato ai danni del Lido Palace.

Lo straniero, verso le 07 di mercoledì 29, veniva notato dal custode dell’albergo mentre si aggirava all’interno dello stabile. Sul posto gli Agenti della Volante rintracciavano il giovane e sulla base degli elementi raccolti gli contestavano il furto di alcuni beni di proprietà della struttura.