VIDEONEWS & sponsored

(in )

QUESTURA DI TRENTO * PIAZZA DANTE: « IN GIRO CON LA BICICLETTA PER SPACCIARE EROINA, ARRESTATO NIGERIANO E SEQUESTRATE 60 DOSI »

Non si è fermata neppure nel week end l’attività di controllo della Polizia di Stato, voluta dal Questore di Trento, intorno allo scalo ferroviario di Trento. Nella mattinata di ieri, i giardini antistanti la stazione sono stato teatro dell’ennesimo arresto da parte dell’Unità Crimine Diffuso della Squadra Mobile, conosciuti come “Orsi”. A finire in carcere è stato uno spacciatore di nazionalità nigeriana.

L’uomo, un trentaquattrenne dimorante ad Ala, in sella ad una bicicletta, più volte segnalato da alcuni passanti agli agenti in borghese, è stato visto aggirarsi per le vie limitrofe alla stazione, fermandosi ogni volta vicino ad alcuni giovani, chiedendo a costoro se volessero acquistare stupefacente.

A questo punto, un equipaggio della Squadra Mobile si è appostato su alcuni tetti degli edifici palazzi ubicati intorno alla piazza, per poter osservare i movimenti del pusher senza essere visti.

Un’altra pattuglia dell’Unità Crimine Diffuso è rimasta nei giardini di Piazza Dante, ricevendo, in tempo reale, dai punti di osservazione individuati nei palazzi che circondano la piazza, le informazioni circa i movimenti dello spacciatore, e potendolo così seguire senza che se ne accorgesse ed allo stesso tempo venisse perso di vista.

Non appena il cittadino nigeriano si è fermato nel parco antistante il Palazzo della Provincia, per prendere contatti con un cliente, un cittadino italiano di 46 anni, gli “Orsi”sono piombati sullo spacciatore, bloccando anche il cliente, sequestrandogli due dosi di hashish appena acquistate dallo straniero.

Nel frattempo, lo spacciatore ha tentato di divincolarsi dalla morsa degli investigatori della Questura di Trento, in parte riuscendovi, guadagnandosi, almeno per pochi passi, una fuga. Ma è stato subito bloccato da uno degli agenti intervenuti, che l’ha raggiunto dopo  una decina di metri nei pressi di via Dogana. Rinvenendo, e sequestrando, una busta di plastica con circa 60 dosi di eroina nonché la somma di 200 euro, frutto dell’attività di spaccio fino a quel momento effettuata.