L’intensificazione del piano di servizi di controllo del territorio predisposto dal Signor Questore per la Provincia di Trento Giuseppe Garramone anche nella città di Rovereto, ha permesso la scorsa settimana di intervenire con tempestività all’interno di una ditta, ove un dipendente aveva sorpreso un individuo che, con fare indifferente, cercava di allontanarsi dopo aver frugato nella borsa di una dipendente lasciata per un attimo incustodita in ufficio ed aver sottratto dalla stessa 200 Euro.

La pattuglia intervenuta riconosceva subito il soggetto, un trentacinquenne roveretano, resosi in passato responsabile di altri furti simili, caratterizzati dal medesimo ed odioso modus operandi oramai collaudato: il responsabile, introducendosi approfittando dell’apertura al pubblico, si appropriava dei portafogli ed effetti personali delle vittime, verosimilmente attendendo la loro momentanea assenza.

I furti si verificano dove le persone sono più tranquille e perdono di vista momentaneamente i loro effetti personali come spogliatoi, postazioni di lavoro, anticamera di uffici o esercizi pubblici.

Nella ditta in questione, fortunatamente, un dipendente attento ha notato l’ingresso di questo soggetto sconosciuto che accedeva all’ufficio di una collega per uscirne dopo poco con le mani in tasca e l’aria indifferente ed ha immediatamente fermato l’individuo, allertando nel contempo le forze dell’ordine e la Volante della Polizia di Stato immediatamente intervenuta.

L’intruso, messo alle strette, dopo aver tergiversato, ha infine consegnato la somma rubata e, anche alla luce dei suoi precedenti specifici, è stato tratto in arresto dalla Polizia di Stato e sottoposto a giudizio direttissimo innanzi al Tribunale, dove è stato condannato.