1.115 persone controllate, 4 persone indagate: il bilancio della Polizia di Stato in ambito ferroviario nella settimana di Ferragosto.

Sono ben 1115 le persone controllate dal personale della Polizia di Stato del Compartimento Polfer di Verona e T.A.A. tra il 10 ed il 16 agosto; a seguito dei controlli effettuati sono stati denunciati tre soggetti maggiorenni per reati in materia di stupefacenti (20 i grammi sequestrati di cannabinoidi e 2 di cocaina) ed un minore per furto di un telefono cellulare.

I servizi istituzionali sono stati intensificati con l’impiego di 179 pattuglie nelle stazioni e 4 a bordo treno; 8 i convogli ferroviari scortati; 15 i servizi antiborseggio in abiti civili per contrastare, in particolare, i furti in danno dei viaggiatori.

Nello stesso periodo non si sono registrati episodi delittuosi in ambito ferroviario a conforto della incessante ed attenta opera di prevenzione posta in essere dalle donne e dagli uomini della Polizia Ferroviaria.

Due gli episodi che si vogliono richiamare, a testimonianza dell’attività di prossimità che caratterizza una parte rilevante dell’operato la Polizia di Stato: si tratta di due rintracci di persone scomparse (rintracciate al Brennero ed a Verona), avvenuti grazie alla attenta opera di controllo del territorio.

Due casi umani risoltisi positivamente grazie al tempestivo intervento degli uomini della Polizia di Stato che, in entrambi i casi, dimostrando di possedere importanti doti di empatia, hanno messo a proprio agio i due soggetti, inducendoli a desistere dalla loro “fuga” ed a mettersi in contatto con i propri congiunti, allarmati dalla loro sparizione, cosa che avveniva dagli uffici della Polizia Ferroviaria. In entrambi i casi, una ragazza a Brennero ed un uomo a Verona, vi è stato un felice esito, con il ricongiungimento dei due ai propri cari.