Le domande dovranno essere effettuate dagli enti erogatori di servizi di convitto e alloggio dal 14 luglio 2020 al 12 agosto 2020. Intervento finanziario a sostegno delle spese di convitto a carico degli studenti.

Durante l’emergenza COVID-19, in concomitanza con la sospensione dell’attività didattica e formativa “in presenza”, anche i servizi di convitto e alloggio per gli studenti delle scuole provinciali e paritarie sono stati sospesi, con ripercussioni sia sulle famiglie, che sugli enti gestori dei servizi. Per sostenere le famiglie in ordine alla spesa di convitto comunque a carico per il periodo di sospensione del servizio, la Giunta provinciale ha approvato oggi un provvedimento che destina inizialmente l’importo di 80.000 Euro (l’importo sarà ulteriormente incrementato con l’assestamento di bilancio) agli enti gestori che forniscono sul territorio provinciale i servizi di convitto e alloggio agli studenti del primo e secondo ciclo di istruzione e formazione. Le somme riconosciute agli enti beneficiari non saranno pertanto più dovute dagli studenti e qualora già corrisposte saranno rimborsate ai medesimi dall’ente gestore. La domanda di concessione del riconoscimento finanziario dovrà essere presentata dagli enti gestori sull’apposito modulo, dal 14 luglio 2020 al 12 agosto 2020, e inviata tramite posta elettronica certificata all’indirizzo: serv.istruzione@pec.provincia.tn.it. I moduli sono scaricabili dai siti: www.modulistica.provincia.tn.it e www.vivoscuola.it .

A seguito della sospensione delle attività didattiche “in presenza” in applicazione delle misure di contenimento del contagio da Covid-19 sull’intero territorio nazionale, gli enti gestori dei servizi di convitto e alloggio operanti sul territorio provinciale hanno interrotto nell’ultimo trimestre dell’anno scolastico 2019-2020 l’erogazione di tali servizi a favore degli studenti del primo e secondo ciclo di istruzione e formazione, con ripercussioni anche di carattere economico sia per gli enti che per le famiglie degli studenti.

Per mitigare l’impatto economico sulla popolazione studentesca, con la legge provinciale n. 3 del 13 maggio 2020 (“Ulteriori misure di sostegno per le famiglie, i lavoratori e i settori economici connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e conseguente variazione al bilancio di previsione della Provincia autonoma di Trento per gli esercizi finanziari 2020 – 2022”), è stato introdotto uno specifico intervento finanziario a sostegno delle spese di convitto e alloggio a carico degli studenti. L’articolo 39 della L.P. 3/2020 stabilisce infatti che, qualora non risultino fruite, a causa dell’emergenza da Covid-19, le prestazioni relative al servizio di convitto, la Provincia corrisponda all’ente gestore una somma, determinata sulla base della rata comunque a carico degli studenti per l’ultimo trimestre dell’anno scolastico 2019-2020. Le somme riconosciute agli enti gestori non saranno più dovute dagli studenti e qualora già corrisposte verranno rimborsate ai medesimi dall’ente gestore.

Con il provvedimento approvato oggi la Giunta ha pertanto stanziato un primo importo di 80.000 Euro per l’attuazione dell’intervento e contestualmente ha approvato la relativa modulistica. La domanda di concessione del riconoscimento finanziario dovrà essere presentata dagli enti gestori sull’apposito modulo, reperibile sul sito www.modulistica.provincia.tn.it, nonché sul sito www.vivoscuola.it, dal 14 luglio 2020 al 12 agosto 2020, e inviata tramite posta elettronica certificata all’indirizzo: serv.istruzione@pec.provincia.tn.it.