CGIL CISL UIL - TRENTINO

Assemblea unitaria 3/12/2020, ore 10.00 - da Trento

Per rivedere la diretta video streaming Hd

prima parte clicca QUI

seconda parte clicca QUI

***

INTERVISTA AL PRESIDENTE DEL BANCO ALIMENTARE TRENTINO-AA

DUILIO PORRO

Focus su: azione - storia - progetti - sostegno

Decisione oggi della Giunta, su proposta dell’assessore Segnana. La Provincia riconosce i maggiori oneri del contratto nazionale del personale sanità privata.

Oggi la Giunta provinciale, su indicazione dell’assessore alla salute, Stefania Segnana, ha aumentato le tariffe di assistenza ospedaliera delle strutture private accreditate. La decisione fa seguito alla firma, avvenuta lo scorso 8 ottobre, del nuovo contratto collettivo nazionale del personale dipendente della sanità privata, e di quanto disposto dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome e dalla dalla Commissione Salute.

“La sottoscrizione del contratto nazionale della sanità privata ha rappresentato un giusto riconoscimento per i lavoratori che aspettavano da oltre un decennio, alla luce anche dell’impegno fondamentale che hanno assunto nell’affrontare la fase di emergenza causata dalla pandemia – è il commento dell’assessore Segnana -. Oggi, per consentire alle strutture accreditate della Provincia di Trento di dare compiuta attuazione al nuovo contratto, vengono aumentate le tariffe di 2 punti percentuali”.

Per onorare l’impegno assunto dalle Regioni e dalle Province autonome di farsi carico, come parte pubblica, di parte degli oneri a carico delle strutture private derivanti dalla sottoscrizione del contratto collettivo nazionale della sanità privata, oggi la Provincia autonoma di Trento ha stabilito l’aumento a partire dal 1° luglio 2020, ovvero in base alla decorrenza economica dei nuovi stipendi, delle tariffe di assistenza ospedaliera per acuti e post-acuti. Tale incremento costituisce un acconto in attesa dell’emanazione del decreto del Ministero della Salute di adeguamento delle tariffe a livello nazionale.

Nel dettaglio:

per il settore acuti vengono aumentati di 2 punti percentuali i livelli tariffari stabiliti per le strutture private accreditate;
per il settore post-acuti area riabilitazione vengono aumentate di 2 punti percentuali le tariffe di riabilitazione;
per il settore post-acuti area lungodegenza viene aumentata di 2 punti percentuali la tariffa di lungodegenza.