VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * MATERNE: « CAMPANELLA D’INIZIO PER LA SCUOLA EQUIPARATA “SUOR ANGELINA LORENZINI” DI POVO »

Primo giorno di scuola nella scuola dell’infanzia. Dall’equiparata di Povo, l’augurio di buon anno scolastico ai bimbi di tutto il Trentino.

È iniziato oggi ufficialmente l’anno scolastico per i 13.723 bambini iscritti alle scuole dell’infanzia della provincia di Trento. Alla scuola equiparata “Suor Angelina Lorenzini” di Povo, presenti le autorità, i vertici della Federazione Provinciale Scuole Materne e il dirigente generale della Provincia Roberto Ceccato è stato dato il via simbolicamente all’anno scolastico dei piccoli.

Gli intervenuti alla breve cerimonia hanno ripercorso le fasi dedicate, nei mesi scorsi, alla programmazione e all’individuazione delle misure che hanno consentito ai bambini di poter rincontrare compagni ed insegnanti riprendendo le lezioni in sicurezza. L’assessore competente ha ringraziato le Amministrazioni locali, gli esperti, i responsabili scolastici e i coordinatori pedagogici per la collaborazione e ha sottolineato che quello appena iniziato è un anno particolare, in cui tutti saremo chiamati a fare la nostra parte per affrontare la sfida del contrasto alla diffusione del virus Covid-19.

Oggi di primo mattino, i bambini visibilmente emozionati, accompagnati da un familiare, sono stati accolti singolarmente dagli insegnanti. Percorsi dedicati, massima attenzione alla sanificazione, gruppi di sezione stabili e una delimitazione degli spazi predefinita, caratterizzano una ripartenza all’insegna della massima sicurezza per tutti.

Parola d’ordine del nuovo anno, come ha ribadito il dirigente generale del Dipartimento istruzione e cultura Roberto Ceccato è “corresponsabilità”. “L’Amministrazione – ha sottolineato il dirigente – ha fatto il massimo sforzo organizzativo mettendo a disposizione risorse supplementari, sia in termini di personale, che di finanziamenti. Ora è necessario giocare di squadra; ognuno di noi deve agire responsabilmente per far si che l’anno che ci aggiungiamo ad affrontare possa trascorrere serenamente”.

E proprio in tema di responsabilità si gioca la partita più importante. Anche alle famiglie infatti è richiesto di collaborare fattivamente, sottoscrivendo un “patto di corresponsabilità” che delinea alcune semplici regole da rispettare, anche al di fuori della scuola. Con la sottoscrizione del patto, scuola e famiglia assumono un impegno di responsabilizzazione reciproca e collettiva adottando le misure di precauzione previste dal Protocollo del 25 agosto 2020 “ Linee di indirizzo per la tutela della salute e sicurezza nelle scuole dell’infanzia (3-6 anni)”. Per ottenere il massimo coinvolgimento e la massima comprensione da parte di tutti, il protocollo è stato tradotto nelle lingue: tedesco, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, cinese e urdu.