Tonina: “Il suo contributo è stato prezioso, continueremo a confrontarci”. Il “grazie” della Giunta provinciale alla dirigente generale Livia Ferrario che passa al Comune di Trento.

È un “grazie” pieno e sincero quello rivolto oggi dalla Giunta provinciale all’attuale dirigente generale del Dipartimento territorio, ambiente, energia e cooperazione Livia Ferrario, che prossimamente andrà ad assumere l’incarico di direttore generale presso il Comune di Trento, un ringraziamento che abbraccia peraltro un impegno pluridecennale al servizio dell’amministrazione pubblica, e che l’ha vista negli ultimi anni assumere anche le responsabilità di dirigente alla sanità e all’Istruzione. “ Di Ferrario – sottolineano all’unisono il presidente Maurizio Fugatti e il vicepresidente Mario Tonina – abbiamo apprezzato la professionalità e la dedizione all’istituzione provinciale, sempre accompagnate da un atteggiamento cordiale e collaborativo. Senza dubbio vogliono unirsi idealmente a noi in questo ringraziamento anche le precedenti Giunte provinciali, che hanno potuto apprezzare a loro volta il suo operato”.

Nella seduta di stamani la Giunta provinciale ha deciso inoltre di assegnare le funzioni in carico a Ferrario a Roberto Andreatta che manterrà l’attuale incarico di Mobility manager della Provincia.

“Un particolare plauso da parte mia e del mio staff – prosegue Tonina – per l’apporto di Ferrrario ad alcune partite strategiche per il Trentino, che grazie alle sue doti, in particolare la sua capacità di sintesi e di mediazione, hanno trovato un’auspicata risoluzione. Mi riferisco innanzitutto alla nuova legge sull’energia e sulle grandi derivazioni a scopo idroelettrico, attesa da tempo, che ha visto la dirigente impegnata senza sosta su diversi fronti, per arrivare alla recente approvazione. Ed inoltre alla legge approvata nel settembre 2019  riguardante la disciplina sulla Valutazione di impatto ambientale, che ha modificato la normativa provinciale sulla VIA.

Nel formulare i nostri migliori auguri di buon lavoro- aggiunge infine Tonina – ora che si appresta ad iniziare una nuova sfida, siamo certi del fatto che continueremo anche in futuro a confrontarci e a collaborare, sempre ricercando il miglior punto di incontro e le migliori sinergie fra Provincia e Comune di Trento, nell’interesse della nostra comunità tutta”.

Il percorso di Livia Ferrario all’interno della Provincia autonoma di Trento è iniziato nel 1990. Dopo la laurea in Economia e Commercio a Bologna e un master all’Università di Trento, Ferrario è stata assunta in qualità di funzionaria e assegnata al Servizio Autonomie locali. Successivamente è divenuta capo-ufficio dell’Ufficio Finanza Locale e quindi dirigente del Servizio Finanza Locale. Dopo avere partecipato, fra le altre cose, ai gruppi di lavoro costituiti per la predisposizione dei disegni di legge provinciali di riforma istituzionale, è stata nominata nel 2001 dirigente del Servizio Autonomie locali, ponendo mano alla riorganizzazione dei Servizi Finanza locale e Enti locali. In questa veste ha contribuito fra l’altro alla progettazione del Sistema integrato della sicurezza, in collaborazione con Transcrime, alla stesura della Riforma istituzionale e alla sua prima attuazione, nonché all’apertura dello Sportello unico per le attività produttive.

Membro del Consiglio di amministrazione della Patrimonio del Trentino s.p.a. , dal 2005 al 2014, nel 2009 è stata nominata dirigente generale del Dipartimento Politiche per la salute e successivamente del Dipartimento della Conoscenza. Dal dicembre 2018  ad oggi è stata dirigente generale del Dipartimento Urbanistica, Energia, Ambiente e Cooperazione.  Numerose anche le sue partecipazioni a gruppi di lavoro ed i suoi incarichi di nomina provinciale, fra gli altri nel Comitato per la finanza locale, nel gruppo di lavoro in materia di Politiche per la famiglia, in Apran, Agenzia del Lavoro, Euricse e Sanifond.