VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * FESTA FIAMME GIALLE: FAILONI, « UN GRAZIE DI CUORE A NOME DELL’INTERA COMUNITÀ TRENTINA, PER IL VOSTRO IMPEGNO NEL CONTRASTARE LA CRIMINALITÀ »

Festa delle Fiamme gialle, Failoni: “La Provincia sempre al vostro fianco”. Le Fiamme gialle compiono 247 anni. Le celebrazioni – anche quest’anno improntate alla massima sobrietà per le limitazioni legate all’emergenza sanitaria – si sono svolte questa mattina alla presenza del comandante regionale della Guardia di finanza per il Trentino – Alto Adige, generale di divisione Ivano Maccani.

Intervenuto in rappresentanza della Provincia autonoma di Trento, l’assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Roberto Failoni ha espresso “un grazie di cuore a nome dell’intera comunità trentina, per l’impegno delle Fiamme gialle nel contrasto alla criminalità, che non è mai venuto meno malgrado la pandemia. La Provincia continuerà a collaborare con il Corpo, ponendosi al fianco degli uomini e delle donne che con il loro fattivo impegno lavorano affinché il Trentino sia un territorio sempre migliore”.

La cerimonia si è aperta con un videomessaggio del capo dello Stato Sergio Mattarella. È seguita la presentazione del bilancio operativo regionale del 2020: gli interventi ispettivi eseguiti sono stati oltre 9.600 e le indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile più di 600.

Lotta alle frodi fiscali, tutela della spesa pubblica e contrasto alla criminalità organizzata sono stati i fronti sui quali si sono concentrati gli sforzi del Corpo. “Sviluppare sul territorio un efficace sistema di relazioni con coloro che rappresentano i cittadini, gli studenti, gli artigiani, gli industriali, i commercianti, i lavoratori, gli agricoltori, gli ordini professionali, significa mettere le radici nella società civile per conoscere ed affrontare più efficacemente i problemi reali della gente, realizzandone le aspettative di sicurezza per il corretto svolgimento dei rapporti economico-sociali” sono state le parole del comandante regionale, generale di divisione Maccani.