VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * CONFRONTO CON IL MINISTRO MESSA: BISESTI, « INVESTIRE NELLE LAUREE PROFESSIONALIZZANTI, È IMPORTANTE UN LORO CONTINUO AGGIORNAMENTO »

Oggi il confronto con il ministro Messa. Bisesti: “Investire nelle lauree professionalizzanti”.

Il tema delle lauree professionalizzanti, che interessa molto il mondo produttivo e quello della formazione, è stato al centro del confronto, in modalità online, che l’assessore all’Istruzione, università e cultura Mirko Bisesti, con i suoi omologhi delle altre regioni, ha avuto oggi con il ministro dell’Università e della ricerca Maria Cristina Messa. “Il Trentino – sottolinea l’assessore – crede molto in questa possibilità e intende investire in un percorso di studio pensato per mettere in stretta relazione il sapere teorico di alto livello con il mondo delle professioni e con le aziende.

E’ una novità destinata a portare anche il nostro territorio a livello delle migliori esperienze internazionali. Per questo auspichiamo che dal Governo arrivi un sostegno a questi percorsi innovativi”. A quello di oggi seguiranno altri momenti di confronto sul tema.

A partire dai primi mesi dell’anno, sono state avviate le prime interlocuzioni tra l’Università di Trento e l’assessorato per analizzare la percorribilità e progettare i primi percorsi di lauree professionalizzanti in Trentino.

La laurea professionalizzante, questa la premessa, è un esempio di come le realtà accademica, professionale, produttiva e dell’istruzione non debbano essere considerate distanti, ma possano collaborare per permettere un più facile incontro tra domanda e offerta, a beneficio dello sviluppo economico del Trentino e a vantaggio di tutti gli attori coinvolti.

“Il tema è attuale – aggiunge l’assessore Bisesti – se si pensa che la cultura tecnica e la tecnologia stanno assumendo un ruolo strategico non solo nei processi di sviluppo economico ma anche in quelli di cambiamento sociale. Al tempo stesso l’accelerazione dei processi di innovazione rende queste competenze più esposte che in passato al rischio di obsolescenza. E’ quindi importante un loro continuo aggiornamento”.