VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * CAMPAGNA VACCINALE CONTRO COVID: « AGGIORNATO L’ACCORDO CON I MEDICI, OGGI LA DECISIONE DELLA GIUNTA PAT SU INDICAZIONE DELL’ASSESSORE SEGNANA »

Campagna vaccinale contro il Covid-19: aggiornato l’accordo coi medici.Oggi la decisione della Giunta su indicazione dell’assessore Segnana.

Un nuovo accordo per meglio definire il coinvolgimento dei medici di medicina generale nella campagna vaccinale contro il Covid-19. Oggi la Giunta provinciale ha recepito l’Accordo siglato lo scorso 9 marzo con Intesa Sindacale (CISL Medici- FP CGIL Medici-SIMET-SUMAI) e SNAMI che aggiorna il precedente del 12 gennaio, tenendo conto anche della sottoscrizione a livello nazionale del Protocollo d’intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome e le Organizzazioni sindacali della medicina generale del 21 febbraio 2021. “Questo provvedimento ci consente di rendere maggiormente efficace la campagna vaccinale in corso – spiega l’assessore Segnana -, coinvolgendo i medici di famiglia, in base ai criteri di priorità stabiliti dal Governo, ovvero nella fase attuale della vaccinazione delle persone fra 75 e 79 anni e del personale scolastico. Gli assistiti potranno rivolgersi sia al proprio medico, che ai punti vaccinali di Azienda sanitaria”.

Queste le modifiche previste dal nuovo Accordo:

gli assistiti potranno scegliere di rivolgersi sia al proprio medico di assistenza primaria o a un medico facente parte della stessa forma associativa (che aderiscano alla campagna vaccinale) sia ai punti vaccinali dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari;
nella fase in corso i medici saranno coinvolti nella somministrazione dei vaccini al personale scolastico e agli assistiti di età compresa tra 75 e 79 anni; in seguito l’Azienda sanitaria indicherà i criteri di priorità, in coerenza con le indicazioni nazionali e provinciali;
l’Azienda sanitaria consegna ai medici indicativamente una dotazione di 3 flaconi di vaccini (pari a 30 dosi) a settimana, con l’impegno dell’Azienda ad aumentare la dotazione nella quantità definita da Apss in rapporto alle disponibilità di vaccini fornite dal livello nazionale.