CONSIGLIO PROVINCIA AUTONOMA TRENTO - CORECOM

Intervento del Presidente Marco Sembenotti

(Comitato per le Comunicazioni del Trentino)

Sempre più facile gestire la nostra salute grazie alla App TreC_FSE. I trentini che accedono a TreC sono oltre 110mila. Con l’applicazione TreC_FSE si punta ad aumentare il numero di utilizzatori.

Lanciata nell’estate del 2018, l’applicazione TreC_FSE ha ottenuto un buon successo tra gli utenti che l’hanno scaricata. “Ma vogliamo fare ancora meglio” – spiega l’assessore alla salute della Provincia autonoma di Trento. Grazie a TrentinoSalute4.0, ora l’App offre ai trentini importanti nuove funzionalità. Dal proprio smartphone o tablet, oltre ad accedere al proprio Fascicolo Sanitario Elettronico per consultare i referti medici, le ricette farmaceutiche e le ricette specialistiche, da oggi sarà ancora più facile prenotare una visita, gli esami del sangue e utilizzare i servizi online offerti dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

Tutta la salute in un’unica applicazione! È questo il motto con cui si presenta la App TreC_FSE che da oggi si migliora con nuove funzionalità per tutti i cittadini maggiorenni residenti in Provincia di Trento.

 

*

Grazie agli aggiornamenti dalla App si potrà:

entrare con dati biometrici: per facilitare ulteriormente l’accesso all’applicazione si potrà utilizzare, al posto del PIN, l’impronta digitale o il riconoscimento del volto;
prenotare le visite specialistiche: si potranno prenotare le prestazioni erogate dal servizio sanitario provinciale (no libera professione), partendo da una ricetta elettronica fra quelle già inserite nell’applicazione, oppure inserendo direttamente il numero della ricetta stampato sul promemoria;

prenotare altri servizi: si potranno prenotare altri servizi dell’APSS, come l’esame del sangue, un appuntamento all’ufficio anagrafe sanitaria o protesica;
visualizzare il calendario delle prenotazioni: consente di vedere tutti gli appuntamenti che l’utente ha riservato tramite il CUP (prenotati con App TreC_FSE, CUP telefonico o online);

gestire la visibilità dei propri referti: si potrà decidere chi, tra il personale sanitario, può consultare ogni singolo referto;

gestire altre TreC (ad esempio quella dei propri figli): si potrà condividere la propria TreC con altri utenti dell’applicazione e accedere dalla propria App alla TreC di chi ha concesso la delega.

L’App TreC_FSE è stata sviluppata dal laboratorio congiunto tra Azienda provinciale per i servizi sanitari e Fondazione Bruno Kessler, nell’ambito di TrentinoSalute4.0, in accordo con il Dipartimento salute e politiche sociali della Provincia autonoma di Trento.

“Si tratta di un ulteriore passo avanti per la sanità trentina che, grazie al lavoro congiunto e di squadra di più realtà provinciali, è riuscita a mettere in campo uno strumento innovativo, fruibile da tutti i cittadini, unico nel panorama nazionale” – ha sottolineato l’assessore. Le nuove funzionalità dell’App TreC_FSE infatti ci consentiranno di ridurre ulteriormente gli spostamenti per prenotare visite mediche ed esami, andare a ritirare i referti, avere meno code agli sportelli, risparmiare carta, gestire il Fascicolo sanitario dei propri figli o dei propri cari, e in generale, semplificare la vita ai cittadini”.

“Sempre più cittadini utilizzano smartphone e tablet – ha evidenziato Pier Paolo Benetollo direttore generale facente funzioni di Apss – per accedere a Internet e fruire di servizi online in modo veloce, preferendo applicazioni mobili all’accesso da computer. L’utilizzo di tecnologie migliora l’accessibilità ai servizi sanitari con minimi costi per i cittadini, soprattutto in termini di tempo. Per questo Apss, in accordo con Pat ed FBK, ha investito nell’implementazione di servizi online che potessero rendere la vita del cittadino più semplice garantendo al contempo la sicurezza dei dati sanitari e delle transazioni. Siamo fermamente convinti che il futuro della sanità sarà sempre più digitale e vogliamo continuare nella ricerca di sempre nuove soluzioni a sostegno dei professionisti e dei pazienti”.

“Ormai il cellulare è un oggetto che tutti hanno a portata di mano e anche i più anziani lo utilizzano con facilità. Nel 2018 siamo partiti da questa evidenza” – spiega Diego Conforti, direttore dell’Ufficio innovazione e ricerca del Dipartimento salute e politiche sociali della Pat – “e, grazie a TrentinoSalute4.0, abbiamo deciso di implementare la versione mobile del servizio TreC con l’obiettivo di allargare il numero di utenti. Dal 2018 sono state oltre 16mila le persone che hanno installato la App TreC_FSE. Puntiamo ad offrire sempre più opportunità che vengano incontro alle esigenze della popolazione, specie in questi mesi di emergenza Coronavirus che non permettono l’accesso agli sportelli e ai servizi con le stesse modalità di prima. L’azione congiunta di Pat, APSS e FBK, grazie a TS4.0, si focalizza proprio sulla capacità di portare ricerca e sviluppo nell’ambito della salute, trasferendo innovazione sul territorio”.

“Nel corso di questi anni, FBK, in stretta collaborazione con gli operatori sanitari di APSS” – ha spiegato Stefano Forti, responsabile dell’area Health and wellbeing della Fondazione Bruno Kessler – “ha continuato a sperimentare nuove funzionalità della piattaforma TreC, come il monitoraggio dei pazienti cronici. L’emergenza Coronavirus ha accelerato le attività e ci ha permesso di raccogliere i bisogni urgenti provenienti dai professionisti sanitari, come la Televisita, e di portare risultati molto interessanti che saranno integrati nell’app TreC_FSE già nei prossimi mesi”.

 

*

Alcuni dati

Attualmente superano i 110mila (circa il 20% degli aventi diritto) i cittadini trentini iscritti a TreC. I dati – disponibili sul sito trec.trentinosalute.net – raccontano di oltre 3500 pagamenti effettuati e 10mila cambi di medico di base. 47.782 le prenotazioni CUP, nell’anno in corso, effettuate online.

Un po’ di storia

La versione “beta” dell’App era stata lanciata in via sperimentale in occasione di “Trento smart city week” nell’aprile 2018 e dopo alcuni mesi di test e interventi migliorativi è stata resa disponibile sull’App store e Google play per i cittadini che hanno attivato la propria tessera sanitaria per accedere a TreC.

Ora l’App è stata arricchita di ulteriori funzioni, in linea con la versione web della piattaforma TreC. L’utente può quindi ora “interagire” con il servizio sanitario provinciale per ogni richiesta: prenotare le visite specialistiche, visualizzare le prenotazioni sul calendario personale del cellulare, prenotare gli esami del sangue, vedere i Fascicoli sanitari dei propri figli o genitori, e non solo.

Come aggiornare o attivare la App TreC_FSE

Per gli utenti che già hanno installato TreC_FSE sul proprio cellulare o tablet basterà entrare nello store (Apple o Google) e installare l’aggiornamento;
per gli utenti che ancora non hanno installato la App, ma sono già in possesso delle credenziali SPID o che hanno attivato la tessera sanitaria, possono scaricare e attivare l’app in autonomia accedendo alla piattaforma TreC (trec.trentinosalute.net);

i cittadini che non hanno ancora attivato né la tessera sanitaria, né SPID dovranno seguire le istruzioni riportate sul portale provinciale dei servizi online al cittadino (www.servizionline.provincia.tn.it):
per attivare la Tessera e ottenere il foglio di attivazione della app TreC_FSE seguendo la procedura ivi riportata;

per richiedere l’identità SPID e accedere direttamente alla piattaforma TreC https://trec.trentinosalute.net. Da qui è necessario cliccare sul pulsante “Attiva app TreC_FSE” e seguire la procedura indicata sullo schermo.