Olimpiadi 2026, accordo con Roma per il finanziamento delle opere. Via libera allo schema di accordo con il Ministero delle infrastrutture per il finanziamento delle opere legate alle Olimpiadi invernali 2026. Sette le opere essenziali, investimento di 82 milioni.

Anche l’Alto Adige sarà teatro di una parte delle Olimpiadi 2026 assegnate a Milano-Cortina. Anterselva, infatti, ospiterà tutte le prove di biathlon presso l’ormai collaudatissima Südtirol Arena, impianto che non necessità di particolari investimenti. Oltre alla parte prettamente sportiva, però, i Giochi invernali portano con sé la necessità di intervenire sulle opere infrastrutturali per migliorare la raggiungibilità dei territori interessati.

“Con l’accordo diamo il via ad un progetto di mobilità di lungo periodo che andrà oltre le Olimpiadi e porterà un valore aggiunto per tutto il territorio”, ha commentato l’assessore Daniel Alfreider, il quale ha poi elencato gli obiettivi da raggiungere: migliorare gli accessi a stazioni e centri mobilità, agevolare i collegamenti con Belluno, Tirolo e A22, rendere più scorrevole e sicuro il flusso di traffico lungo l’asse della Val Pusteria, e garantire un’ottima raggiungibilità dal punto di vista turistico. Per quanto riguarda la Provincia di Bolzano sono state individuate una serie di opere cosiddette essenziali, alle quali si affiancano le opere connesse e quelle di contesto. Il tutto, una volta raggiunta l’intesa con i comuni interessati, è stato inserito in uno schema di accordo con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che ha ricevuto oggi (20 ottobre) il via libera da parte della Giunta provinciale.

 

*

Sette opere essenziali, investimenti per 82 milioni di euro

Fra le opere essenziali, ovvero quelle previste dal dossier di candidatura come necessarie per l’accessibilità ai siti di gara, ne figurano sette che saranno finanziate da un fondo statale riservato con un investimento pari a 82 milioni di euro. Si tratta della costruzione di un nuovo incrocio ed un nuovo accesso sulla strada statale della Pusteria verso Anterselva (15 milioni di euro), del potenziamento della strada statale della Val Pusteria (10 milioni), di un nuovo collegamento con la stazione dei treni di Dobbiaco (13 milioni), di un miglior collegamento tra San Cassiano e Cortina (5 milioni), della demolizione e ricostruzione di un ponte ad Anterselva (2,3 milioni) e della ristrutturazione dell‘incrocio per Sesto Pusteria (7,6 milioni) e della circonvallazione di Perca (29 milioni). Fra le opere ferroviarie vi è invece la variante della Val di Riga (150 milioni di euro) che verrà però finanziata da RFI. Rientrano nell’accordo con il MIT anche l’accesso al centro di mobilità di Brunico (opera di contesto – 4 milioni) e il potenziamento dello svincolo di Varna che dalla A22 porta in Val Pusteria (opera connessa – 16 milioni). Entrambe potranno essere realizzate sfruttando gli eventuali risparmi nella realizzazione delle opere essenziali.