VIDEONEWS & sponsored

(in )

PRESIDENZA CONSIGLIO PROVINCIALE * VISITE ISTITUZIONALI: « KASWALDER INCONTRA I PRESIDENTI DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DI BOLZANO NOGGLER ED INNSBRUCK ROSSMANN, POI IL QUESTORE GARRAMONE »

l presidente del Consiglio provinciale, Walter Kaswalder, ha compiuto oggi una fitta serie di visite esterne alla sede di palazzo Trentini. In mattinata ha incontrato dapprima il direttore regionale dell’Inps, Marco Zanotelli, per rafforzare la collaborazione e lo scambio di dati da qualche anno molto intensi tra l’assemblea legislativa e l’ente statale di previdenza con sede a Trento.

Kaswalder si è poi recato a Bolzano, dove per la prima volta a Bolzano ha potuto vedersi con i colleghi presidenti delle assemblee legislative di Bolzano, Josef Noggler, e di Innsbruck, Sonja Ledl-Rossmann, tutti di recente nomina, perché com’è noto nel 2018 si è votato anche in Alto Adige e nel Land Tyrol. Tra gli argomenti di conversazione, oltre a uno scambio di considerazioni sui rispettivi metodi di lavoro e sui temi di cui si occuperanno a breve i tre Consigli provinciali, c’è stata anche la prossima seduta congiunta (Dreier Landtag), che il 16 ottobre prossimo sarà ospitata di nuovo a Bolzano, dopo le edizioni 2014 a Schwaz e 2016 a Trento. L’appuntamento sarà preceduto da ulteriori incontri preparatori tra i tre presidenti.

Nel pomeriggio il presidente del Consiglio provinciale è stato quindi nella sede della Polizia di Stato di Trento, dove è stato cordialmente ricevuto dal nuovo questore, Giuseppe Garramone. La visita istituzionale ricambia quella dello scorso 10 settembre, quando fu il nuovo capo della polizia – appena arrivato da Roma – a raggiungere via Manci per salutare l’allora presidente Bruno Dorigatti e per conoscere la splendida sede del Consiglio provinciale.

Anche Kaswalder ha potuto toccare con mano il dinamismo e l’intensità operativa del nuovo questore, che sta mettendo in campo numerosi progetti e iniziative, non solo per il contrasto della criminalità e il controllo di un territorio pur sano come il Trentino, ma anche per fare corretta prevenzione, per dialogare con la cittadinanza, per far sentire vicine ai problemi le forze dell’ordine, per fare formazione ed educazione alla cittadinanza nelle scuole. Garramone si sta muovendo in stretto raccordo con le istituzioni provinciali e in questo contesto il presidente Kaswalder ha posto le basi per un raccordo continuo e fattivo anche tra il potere legislativo e la Questura.