VIDEONEWS & sponsored

(in )

PRESIDENTE MART – SGARBI * AL PRESIDENTE FUGATTI SUI MUSEI TRENTINI: « DEL TUTTO EVIDENTE CHE NON SI POSSA PIÙ RINVIARE L’ATTRIBUZIONE DI PALAZZO DELLE ALBERE AL MART » (ORIGINALE LETTERA)

Oggetto: Mart o MAR? Gentile President Maurizio Fugatti, in riferimento alla nostra nota del 21/06/2019, prot. n. 3012/19, al dibattito conseguente e agli articoli apparsi negli ultimi giorni su vari quotidiani, non posso che esprimerLe sconcerto e disappunto per l’osceno progetto di cui solo la settimana scorsa sono stato informato.

Mi riferisco con ogni evidenza alle notizie relative all’ipotesi di collocare il cosiddetto planetario “H20O” nelle pertinenze esterne di Palazzo delle Albere, ossia in area vincolata. Ho il dovere civico di portare alla Sua attenzione la gravità di un simile intendimento al punto da obbligarmi immediatamente a un ulteriore approfondimento rivolgendomi presso la Soprintendenza per i beni culturali e, per quanto di competenza, all’Autorità Giudiziaria.

Il progetto “H20” insisterebbe in un sito monumentale e paesaggistico e, infatti, mi risulta che dopo ovvie esitazioni sia stato approvato dalla Soprintendenza solo in via transitoria e senza fondazioni come mi conferma, sconcertato, il Soprintendente Dott. Marzatico. Non posso non rilevare, però, che l’importante finanziamento messo a disposizione per la sua realizzazione possa dare motivo per produrre un indefinito procrastinarsi dei tempi di esposizione e utilizzo di tale deprecabile struttura, quanto meno per giustificare e rasentare la congruità del finanziamento necessario senza diversamente incorrere nell’ipotesi — assai concreta — di danno erariale. Esiste già un piano finanziario o di sostenibilità che motiva tale spesa tenendo conto dell’obbligo di transitorietà dell’intervento o dovremmo ipocritamente assistere a una prevedibile ma illegittima occupazione degli spazi del Palazzo delle Albere per un periodo lungo a sufficienza per non dare corso a una visione strategica dello sviluppo del sistema museale trentino? Tale scenario, oltre a realizzare una violazione paesaggistica inaccettabile, appare in contrasto anche con quanto previsto a livello normativo con l’atto di costituzione del Mart (Legge provinciale 23 novembre 1987, n. 32).

A prescindere dalla considerazione in merito alla possibilità di un superamento dell’atto fondativo di un museo, mi preme ricordare che il legame inscindibile tra Mart e Palazzo delle Albere è tuttora previsto, al punto che l’accordo stipulato dal Museo con codesta Amministrazione provinciale ed il Comune di Trento per la realizzazione del “Centro di ricerca e sperimentazione sulla contemporaneità — Galleria Civica” prevede al comma 5 dell’articolo 2 che “e parti, concluso l’intervento di restauro di Palazzo delle Albere, valuteranno l’opportunità di trasferire la sede del Centro nel Palazzo, anche al fine di favorire il dialogo con il nuovo Muse, realizzando così un polo della contemporaneità e della sperimentazione”.

Pertanto mi sembra del tutto evidente che non si possa più rinviare l’attribuzione di Palazzo delle Albere al Mart condividendo con le competenze provinciali le modalità organizzative delle attività presso detta sede. Lo

Considererei di inaudita gravità trascurare tale mio fondato appello e mi riservo, come anticipato, di verificare fin da subito presso le sedi competenti ogni eventuale difetto normativo o la responsabilità di atti non corrispondenti a quanto qui richiamato.

Chiudo fuori da ogni polemica con un’osservazione relativa alla stessa denominazione del Mart come “Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto”. Se così è, ossia se la città di Trento è richiamata nel nome stesso del museo, quale dovrebbe essere la sua sede se non il trentino Palazzo delle Albere? In alternativa suggerisco di rivisitare l’acronimo del museo delle scienze con un richiamo alla città di Trento, ossia di chiamarlo MUSET e di ridurre il composito MART in un più preciso e austero MAR, ossia il surreale Mar Trentino e invitare: TUTTI al MARI.

 

*

Un cordiale saluto.

IL PRESIDENTE Prof. Vittorio Sgarbi

 

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/07/1111.pdf”]