VIDEONEWS & sponsored

(in )

POTERE AL POPOLO – TRENTINO ALTO ADIGE * ACCOGLIENZA MIGRANTI: ” IL DIMEZZAMENTO DEL CINFORMI RAPPRESENTA UN ATTO DI DELINQUENZA POLITICA “

La scelta del Presidente della Provincia autonoma di Trento, che da ora in poi ci rifiuteremo di nominare come atto di disconoscimento politico, di ridurre le persone immigrate con diritto di accoglienza a bestie a cui garantire un pasto e un tetto, finché non troverà il modo di negare anche quelli, non è miopia politica ma una vera strategia coerente con quanto si muove a livello nazionale.

Vogliono spingere queste persone in condizioni tali da dover inevitabilmente creare disagio per poi confermare le loro tesi razziste e xenofobe e porre le condizioni per uno stato autoritario antidemocratico, in una parola fascista.

Quello che leggiamo sulla stampa sulle nuove norme di accoglienza e sul dimezzamento del Cinformi rappresenta un atto di delinquenza politica al quale bisogna rispondere con fermezza, anche apellandosi a tutte e a tutti affinché si aprano le nostre case e si mettano a disposizione le sedi e le “case del popolo” per supplire alle gravi carenze artatamente create.

Ormai la Lega ha oltrepassato ogni limite di decenza e per noi è tempo di nuova resistenza, pacifica sicuramente ma senza alcuna possibilità di negoziazione con simili criminali politici.

Lo stesso slogan “prima gli italiani”, tanto sbandierato dal partito del presidente, è quanto mai un boomerang poiché gettando in strada chi non ha alternative di sopravvivenza li costringe a delinquere e quindi a incidere negativamente nella vita sociale a scapito anche dei nativi.

Senza contare che smantellando il sistema di accoglienza si creano nuovi disoccupate/i e per dovere umanitario a gravare sul volontariato.

La palese volontà di aggravare la situazione sociale degradandola per creare le premesse di uno stato poliziesco e totalitario è evidente e deve essere contrastata da tutti quelli che non sono ottusi.

 

*

Potere al Popolo – Trentino Alto Adige