La Polizia di Stato di Verbania, con il coordinamento della Direzione Centrale Polizia di Prevenzione di Roma, ha condotto un´intensa attività di monitoraggio degli ambienti riconducibili all´estrema destra, con specifico riferimento ai movimenti neonazisti.

L´analisi delle fonti aperte ha permesso di accertare l´esistenza di una community di internauti, anche stranieri, specializzata nella creazione di meme razzisti, aventi come filo conduttore ideologie sovraniste e suprematiste.

I poliziotti della Digos hanno eseguito un decreto di perquisizione locale e personale delegato dalla locale Procura della Repubblica nei confronti di un 45enne cittadino italiano, vicino all´estremismo di destra, per il reato di propaganda ed istigazione a delinquere per motivi discriminazione razziale, etnica e religiosa.

Nel corso della perquisizione, estesa a tutti i beni immobili e mobili nella disponibilità dell´indagato, i poliziotti hanno sequestrato computer, pen drive, hard disk, smartphone, dvd/cd nonché diverso materiale d´area tra cui alcune bandiere riportanti simboli nazisti.