VIDEONEWS & sponsored

(in )

POLIZIA DI STATO – POLFER * ROMA – OPERAZIONE “RAIL SAFE DAY”: « 2 ARMI DA FUOCO SEQUESTRATE / 26 ARRESTATI / 191 INDAGATI / 36.000 IDENTIFICATI »

2 armi da fuoco sequestrate, 26 arrestati, 191 indagati e oltre 36.000 identificati il bilancio della settimana della Polizia di Stato sui treni e nelle stazioni ferroviarie.

Controlli intensificati nell’operazione “Rail Safe Day”.

2 armi da fuoco sequestrate, 26 arrestati, 191 indagati e 36.468 identificati: è questo il bilancio dei controlli nell’ultima settimana della Polizia Ferroviaria, intensificati durante l’operazione denominata “Rail Safe Day”, rivolta a prevenire e contrastare i fenomeni criminosi ed i comportamenti anomali e pericolosi in ambito ferroviario. 3.830 le pattuglie impegnate in stazione e 1.123 a bordo treno, per un totale di 2.418 treni scortati. 274 servizi antiborseggio e 231 le sanzioni elevate. 36 i minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle famiglie o alle comunità; 65 i cittadini stranieri sorpresi in posizione irregolare.

Da Milano a Torino questi i risultati: un cittadino del Gambia, pluripregiudicato di 30 anni, irregolare sul territorio italiano, è stato arrestato dalla Polfer di Milano, per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Lo straniero è stato fermato in flagranza di reato, mentre cedeva la droga ad un cittadino italiano, in cambio di una banconota di 50 euro. Il gambiano è stato trovato in possesso di diversi grammi di hashish diviso in dosi pronte per essere spacciate.

A Milano Rogoredo, dove continua l’attività incessante da parte della Polizia Ferroviaria di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, è stato arrestato un cittadino brasiliano di 39 anni, pluripregiudicato, irregolare anch’esso sul territorio nazionale, poiché sorpreso a vendere la droga ad una donna italiana, successivamente segnalata alla Prefettura. L’uomo è stato trovato in possesso di diversi grammi di eroina, di crack, di materiale per il confezionamento delle dosi e di due bilancini di precisione, il tutto sottoposto a sequestro. 3 “Writers” sono stati denunciati invece dalla Polfer di Voghera, grazie ad una accurata indagine degli Operatori del Compartimento di Milano, per aver imbrattato dei treni in sosta in quella stazione. A seguito di una perquisizione a casa dei tre indagati, gli Agenti hanno rinvenuto e sequestrato numerose bombolette spay, rulli per vernici, immagini di graffiti ed oggetti di proprietà dell’Ente ferrovie, oltre a decine di grammi di hashish.

La Polizia Ferroviaria di Vercelli ha portato a termine una brillante attività d’indagine, conclusa con la denuncia di 5 persone, una per rapina aggravata e quattro per ricettazione, recuperando la refurtiva, uno smartphone, sottratto ad un giovane studente torinese. Un uomo di etnia nordafricana dopo essere salito a bordo di un convoglio, ha strappato ad un giovane ragazzo una collana d’argento che portava al collo ed afferrato il cellulare che aveva in mano, per poi scendere velocemente giù dal treno un attimo prima che ripartisse. Successivamente, grazie alla verifica dei tabulati telefonici, è emerso che il cellulare era in uso a quattro soggetti diversi, poi rivelatosi ricettatori. L’intercettazione dell’apparato ha permesso, inoltre, di fermare il rapinatore che è stato poi riconosciuto dalla vittima e di recuperare la refurtiva. Sempre a Vercelli la Polfer ha denunciato un settantenne vercellese incensurato per furto aggravato.

Lo stesso è stato sorpreso mentre tentava di impossessarsi di una ruota di una bicicletta ben assicurata alla rastrelliera adibita per il parcheggio, all’interno dello scalo ferroviario. Ad Asti la Polfer, a seguito di un’accurata indagine, ha denunciato un padre, il figlio e la compagna di quest’ultimo, per ricettazione, indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e sostituzione di persona. I tre, italiani, in concorso tra loro, sono stati riconosciuti, quali autori del furto della borsa ai danni di una donna durante il matrimonio della figlia, grazie all’acquisizione degli estratti conto delle carte di credito, utilizzate nel frattempo dai malviventi, ed ai frame estrapolati dalle immagini delle videosorveglianze presenti all’interno dei negozi dove sono stati effettuati gli acquisti. Mistero sulla pistola rinvenuta dalla Polizia Ferroviaria di Santhià (VC) all’interno di un deposito dei cavi elettrici, completamente deteriorata e con al matricola non leggibile, all’interno di un sacchetto di plastica, con un secondo caricatore rifornito e due scatole con 200 munizioni.

Da Bologna a Roma: La Polfer di Ravenna ha arrestato un cittadino senegalese di 33 anni, pregiudicato senza fissa dimora e denunciato in stato di libertà un tunisino di 24, mettendo fine ad una lunga serie di furti che da svariato tempo venivano commessi all’interno della carrozza ristorante di un Freccia Bianca, che nel corso della notte sosta nello scalo romagnolo in attesa della ripartenza mattutina alla volta della capitale. Un cinquantasettenne siciliano è stato arrestato dalla Polfer di Bologna, per porto abusivo di arma da fuoco. L’uomo, che in un primo momento, si è rivolto alla Polizia Ferroviaria per denunciare lo smarrimento del proprio bagaglio, rinvenuto poco prima dagli Operatori sul treno, ha omesso di dire che all’interno vi era una pistola, già asportata dagli Agenti.

Nella stazione ferroviaria di Roma Termini gli Operatori, dopo un inseguimento, sono riusciti a bloccare ed arrestare un cittadino libico di trent’anni, autore del furto di alcuni capi d’abbigliamento presso un esercizio commerciale presente all’interno dello scalo ferroviario.
Tra gli interventi a lieto fine: gli Operatori della Polizia Ferroviaria di Bari Centrale hanno tratto in salvo un trentenne liberiano, che si era arrampicato pericolosamente sul muro di cinta che divide la Stazione Centrale da quella della Ferrotramviaria, a protezione di un dislivello di circa 10 metri, riuscendo a scavalcare con metà del corpo la ringhiera.

Grazie al tempestivo intervento degli Operatori, gli stessi sono riusciti a farlo scendere, riportandolo con le gambe a terra e traendolo in salvo. A La Spezia la Polfer ha rintracciato un cinquantenne in stato confusionale che si era allontanato dall’ospedale di Bra (CN), il quale, disorientato, scosso e impaurito aveva oltrepassato la linea gialla all’interno della stazione. A Taranto, una giovane donna con i suoi tre figli, un neonato, un bimbo di 2 anni ed uno di 6 è stata soccorsa dalla Polfer all’interno della stazione in piena notte. La mamma si era allontanata dalla casa famigliare dopo un litigio con il compagno, padre dei suoi due figli minori. Grazie all’intervento degli Operatori la donna è stata accolta da una struttura idonea.