VIDEONEWS & sponsored

(in )

PIÙ DEMOCRAZIA IN TRENTINO * NOMINA MINISTRO FRACCARO: ” IL TEMA DELLA QUALITÀ DELLA DEMOCRAZIA ENTRA UFFICIALMENTE NELL’AGENDA DEL NUOVO GOVERNO “

Per la prima volta in Italia abbiamo un Ministero che ha tra propri compiti quello di migliorare la democrazia, allargandola e qualificandola attraverso gli strumenti di democrazia diretta.

È una splendida notizia per Più Democrazia in Trentino: significa che il tema della qualità della democrazia entra ufficialmente nell’agenda del nuovo Governo.

Sappiamo bene quanto questa missione sia difficile, perché da molti anni la nostra Associazione si spende per favorire la nascita di una cultura di partecipazione attiva.

Conosciamo le resistenze, che abbiamo trovato sia nei rappresentanti che nei rappresentati. Conosciamo lo smarrimento cognitivo di coloro che confondono la democrazia diretta con l’assemblearismo, che temono l’annullamento della democrazia rappresentativa, che sviliscono la democrazia diretta a semplice voto elettronico.

Conosciamo bene il dileggio – che abbiamo percepito rinvigorito in queste ore, all’annuncio della nascita del Ministero per la democrazia diretta.

Una prima riflessione la proponiamo da subito al Ministro Fraccaro: una nuova democrazia non si esaurisce nella democrazia diretta. Gli istituti referendari, con esito certo e vincolante, sono un irrinunciabile caposaldo, ma non sono gli unici strumenti di democrazia disponibili.

Esiste la democrazia deliberativa, metodo irrinunciabile per elaborare e condividere percorsi decisionali complessi che non possono essere decisi per sola via referendaria (pensiamo al dibattito pubblico sulle grandi opere o al bilancio partecipativo).

Esiste pure la demosortecrazia, in altre parole la pratica del sorteggio, già oggi sperimentata con successo in molte città europee, in Nordamerica e in Australia.

In sintesi: ci piace pensare che il nuovo Ministero si occuperà di rendere possibile una democrazia migliore, a tutto tondo, prevedendo di volta in volta il ricorso agli strumenti di partecipazione e co-decisione popolare più adeguati alla situazione.

Al Ministro Fraccaro, che con orgoglio ricordiamo essere uno dei soci fondatori della nostra Associazione, desideriamo far sapere che in Più Democrazia in Trentino continuerà a trovare interlocutori appassionati e critici, sempre disponibili al confronto, largo e laico.

Noi ci siamo. E tifiamo per una democrazia migliore.

*

Il Direttivo
Daniela Filbier, Lucia Fronza Crepaz, Nicola Cologna