VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT * SCUOLA DELL’INFANZIA DI LIVO: ZANOTELLI, « I BAMBINI HANNO AVUTO LA POSSIBILITÀ DI RESPIRARE UN’ARIA DI NORMALITÀ, DOPO LUNGHI MESI DI LONTANANZA DA MAESTRE E AMICHETTI »

Livo, rientro in sicurezza alla scuola dell’infanzia per 11 bimbi. Il saluto dell’assessore Zanotelli in occasione della ripartenza.

Due ingressi distinti, postazioni separate e giochi “personali”. La scuola dell’infanzia di Livo ha aperto stamani i battenti per i primi 11 bimbi, accolti all’entrata dall’assessore provinciale all’agricoltura, Giulia Zanotelli, dal sindaco Ferruccio Zanotelli e dal vicesindaco Willi Zanotelli. Gli amministratori hanno scambiato qualche battuta con gli alunni e le loro maestre, oltre che con qualche mamma e con la coordinatrice pedagogica, Carla Podetti, che ha parlato degli sforzi compiuti per assicurare la riapertura della struttura ed assicurare un servizio considerato fondamentale per la crescita dei piccoli e per la conciliazione famiglia-lavoro dei genitori.

Dopo la visita all’interno della scuola, l’assessore Zanotelli ha sottolineato come questa sia stata una giornata importante: “I bambini hanno avuto la possibilità di respirare, per quanto possibile, un’aria di normalità, dopo lunghi mesi di lontananza da maestre e amichetti. Desidero ringraziare l’amministrazione comunale, la coordinatrice ed il personale scolastico che hanno operato con grande impegno e l’entusiasmo che gli è proprio, per consentire il ritorno a scuola dei bambini”.

Nel periodo pre-Covid la struttura accoglieva una trentina di alunni provenienti dal centro del Mezzalone e dai paesi limitrofi. Questa mattina i piccoli utenti hanno raggiunto la loro scuola con differenti modalità: i residenti a Bresimo sono arrivati a bordo dello scuolabus ed hanno avuto accesso dall’ingresso principale, mentre i coetanei accompagnati direttamente dai genitori hanno fatto il loro ingresso in aula dal retro. I due gruppi svolgono attività differenziate, secondo i protocolli introdotti dopo l’emergenza sanitaria. “Il mantenimento dei servizi nei borghi più decentrati e più in generale nelle valli, si rivela fondamentale anche in un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo, per soddisfare i bisogni delle comunità locali” ha concluso l’assessore.