L’assessore Segnana promuove un nuovo incontro. Cognola: massimo impegno per l’assistenza pediatrica.

Prosegue il dialogo con Comune di Trento e Comitato pediatri di libera scelta per garantire la miglior copertura possibile del servizio nella zona di Cognola.

Ieri mattina l’assessore provinciale Stefania Segnana ha convocato un nuovo incontro tra Comitato e Azienda sentendo successivamente il Comune. La questione, come si ricorderà, è legata al pensionamento dell’attuale pediatra di riferimento, il dottor Saverio Mirabassi. Richiamando il contratto, il Comitato provinciale dei pediatri di libera scelta ha fatto presente che a Trento c’è un’importante disponibilità di posti presso altri professionisti, cosa che non giustifica l’inserimento di un nuovo pediatra.

Tra l’altro il nuovo Accordo provinciale per i pediatri di libera scelta approvata nel dicembre 2019 supera alcune precedenti limitazioni di scelta per classi di età, aumentando quindi le disponibilità a favore di tutti i bambini di età 0-14 anni: per l’ambito di Trento tale modifica ha comportato una disponibilità, ad oggi, di circa 850 posti (Sul sito dell’Azienda sanitaria si possono scegliere anche quei pediatri che risultano indicati come “disponibile per determinate categorie”).

“Fermo restando l’obbligo di rispettare il contratto – spiega l’assessore Segnana – e pur sapendo che molte famiglie hanno comunque scelto un nuovo pediatra di riferimento nell’ambito della vasta offerta oggi disponibile, abbiamo avviato assieme all’Azienda un dialogo costruttivo con la parte sindacale e con i professionisti per favorire una scelta spontanea di alcuni pediatri a presidiare l’ambulatorio nella zona di Cognola.

In tal senso si sono trovate alcune disponibilità di massima all’apertura di un ambulatorio secondario. Ora attendiamo dal Comune una risposta alle richieste di questi professionisti in ordine alle agevolazioni sui costi di affitto”.