Dichiarazione del Segretario Generale della Presidenza della Repubblica

Opere igienico sanitarie, circa 11 milioni di nuovi interventi. In materia di opere igienico sanitarie, in particolare per gli impianti di depurazione e per quelli per i rifiuti urbani, la Giunta provinciale, con un provvedimento proposto dal presidente Maurizio Fugatti, ha aggiornato il documento di programmazione settoriale, che di norma viene approvato ogni anno e copre tre anni di programmazione. I nuovi interventi inseriti arrivano all’importo complessivo di circa 11 milioni di euro.

A seguito dell’approvazione dell’assestamento di bilancio adottato dall’Agenzia per la depurazione lo scorso mese di giugno, si sono rese disponibili delle risorse per investimenti in conto capitale. Coerentemente con la programmazione dettata dal Piano di risanamento delle acque, sono stati quindi individuati alcuni nuovi interventi.

 

Eccoli:

– collettore Balbido-Madice, per il completamento della rete depurativa del compendio facente capo al nuovo impianto di depurazione di Stenico, in loc. Ponte dei Servi, oggetto di accordo di programma quadro con il Ministero dell’Ambiente. Il costo complessivo dell’intervento è stato quantificato in 850.000,00 €;

beneficio dato dal risparmio energetico e dalla riduzione delle criticità idrauliche causate alla stazione di sollevamento di Comano Terme. Il costo complessivo dell’intervento è stato stimato in 1.280.000,00 €;

– Collettore Castelfondo – Brez – Cloz: rappresenta il necessario completamento della dorsale di fognatura nera al servizio degli abitati lungo il torrente Novella, che conferirà i reflui presso l’impianto di depurazione di Cloz, la cui gara d’appalto è stata ora avviata. Il costo complessivo è stato stimato in 2.370.000,00 euro;

– Collettore Madonna di Campiglio – S.Antonio di Mavignola che permetterà in prospettiva la dismissione dell’impianto di depurazione di Madonna di Campiglio con conferimento all’impianto di Giustino. Il costo complessivo è stato stimato in 1.910.000,00 €.

– Impianto di depurazione di Rumo: rappresenta la soluzione locale per consentire la completa depurazione delle acque reflue, ora conferite presso una vasca Imhoff. Il costo complessivo dell’intervento è stato stimato in 2.300.000,00 €;

– Intervento urgente all’impianto di Mezzana con l’introduzione di una filiera funzionante a membrane MBR. Il costo complessivo dell’intervento è stato stimato in 1.180.000,00 euro;

– collettore Piz-Boè: a seguito di analisi dei costi-benefici per il mantenimento dell’impianto sperimentale di trattamento delle acque reflue sul posto, si è giunti alla conclusione che, data la portata trattata e la temporaneità della stessa nell’arco dell’anno, i migliori rendimenti depurativi sono conseguibili con la realizzazione di un collettore di collegamento alla rete esistente posta in valle. Il costo complessivo dell’intervento è stato stimato in 1.300.000,00 €.