Istituto comprensivo di Mezzolombardo rimane unico anche per il prossimo anno scolastico. Precisazione dell’Assessorato all’Istruzione: eventuali iscrizioni alle due sedi solo a partire dall’anno scolastico 2020-2021.

La decisione sullo “sdoppiamento” dell’Istituto comprensivo scolastico Mezzolombardo-Paganella sarà presa il prossimo autunno, in quanto quest’anno non c’erano i tempi tecnici per operare la separazione. La scuola pertanto continuerà ad operare nell’attuale sede e nell’a medesima conformazione per tutto l’anno scolastico 2019-2020. E’ quanto chiarisce l’Assessorato all’Istruzione precisando, a proposito di un articolo pubblicato oggi su un quotidiano locale, che l’eventuale divisione dell’Istituto in due sedi, una a Mezzolombardo e l’altra sull’altopiano della Paganella, avrà effetto soltanto a partire dall’anno scolastico 2020-2021.

Il confronto sul futuro dell’Istituto comprensivo di Mezzolombardo – spiega l’Assessorato all’Istruzione della Provincia autonoma di Trento – è in atto da qualche settimana: un primo incontro con le amministrazioni comunali dei territori interessati è avvenuto il 4 aprile scorso dopo un precedente incontro con la dirigenza della scuola, ma altri incontri e colloqui sono previsti a breve. Entro il prossimo autunno sarà quindi adottata una decisione in merito, visto che per le iscrizioni per il prossimo anno scolastico, concluse lo scorso 30 gennaio, non si sarebbe potuto intervenire con un percorso di separazione che potesse consentire il corretto svolgimento delle iscrizioni stesse. Con il prossimo anno scolastico, dunque, non cambierà l’assetto della scuola per le famiglie e gli alunni. Le iscrizioni sulle due sedi saranno dunque eventualmente possibili solo a partire dal prossimo anno e riguarderanno, come precisato, l’anno scolastico 2020-2021.