The White House

President Trump at The World Economic Forum: America Is Winning Again

La stagione turistica estiva 2019.

  La stagione estiva 2019, che comprende i mesi da giugno a settembre, evidenzia valori in netta crescita sia per gli arrivi (+5,2%) che per le presenze (+4,0%). L’incremento riguarda entrambi i settori: gli arrivi alberghieri aumentano infatti del 4,1% e le presenze del 2,3% mentre l’extralberghiero cresce del 7,7% negli arrivi e del 7,2% nelle presenze.

  I numeri dell’estate 2019 confermano il trend crescente del movimento turistico e il risultato in serie storica costituisce la miglior performance degli ultimi 10 anni.

  I pernottamenti registrati nel corso dei 4 mesi estivi superano i 9 milioni e settecentomila, di cui il 62,8% è di provenienza italiana.

  Le presenze alberghiere rappresentano il 64,8% del totale dei pernottamenti rilevati nel complesso delle strutture ricettive (escludendo alloggi privati e seconde case).

  La dinamica delle presenze osservata a livello mensile mostra una crescita in tutti i mesi della stagione, con incrementi molto marcati nel mese di giugno. A luglio si sono registrati i valori più elevati per i pernottamenti degli stranieri; come di consueto il maggior numero di presenze italiane si riscontra nel mese di agosto.

  Le presenze italiane crescono del 2,9% rispetto all’estate 2018. Le principali regioni di provenienza si confermano essere Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Lazio e Toscana.

  In aumento anche le presenze straniere: 5,8% la variazione rispetto alla stagione estiva precedente. Si confermano ai primi posti i turisti tedeschi, olandesi, austriaci, inglesi e cechi.

  La performance dei singoli territori è generalmente positiva; in evidenza gli oltre 2 milioni di presenze del Garda trentino che rappresentano il 20,9% del movimento turistico nella stagione estiva.

  Il numero di alberghi aperti è pari a 1.489 per un totale di 91.708 posti letto disponibili. Il tasso di occupazione1 dei posti letto risulta migliore negli alberghi a 4 stelle superior e 5 stelle (81,8%). La permanenza media provinciale si attesta sulle 4,1 notti.

  Il movimento turistico fa segnare variazioni positive in tutte le categorie alberghiere; le presenze registrate nelle strutture a tre stelle rappresentano il 47,7% del movimento turistico alberghiero estivo.

  •   Il settore extralberghiero, che rappresenta il 35,2% delle presenze estive complessive, evidenzia una decisa crescita sia negli arrivi (+7,7%) che nelle presenze (+7,2%). Il numero di strutture aperte è pari a 1.916, per un totale di 80.131 posti letto.
  •   Le presenze in campeggi, agritur ed esercizi rurali rappresentano il 54,4% del totale del movimento nel settore extralberghiero nella stagione estiva.
  •   Considerando anche la stima del movimento in alloggi privati e seconde case, il bilancio della stagione si conferma in crescita sia negli arrivi (+4,3%) che nelle presenze (+2,4%).
  •   Applicando il valore della spesa media giornaliera pro-capite estiva alle presenze si stima che il movimento turistico nelle strutture alberghiere ed extralberghiere abbia generato un fatturato intorno ai 980.000.000 euro.
  •   Il bilancio parziale dell’anno, considerando il periodo gennaio – settembre, mostra un andamento in crescita dell’1% negli arrivi e dello 0,4% nelle presenze. Dopo un inverno in lieve flessione, i risultati dell’estate permettono quindi di riportare le variazioni dell’anno in positivo.

 

StagioneTuristicaEstiva2019.1575381752