Nell’ambito dell’iniziativa dell’associazione artigiani “A come… Legno”. Il presidente Fugatti ringrazia artigiani e vigili del fuoco per il loro impegno nella tempesta Vaia.

“Siamo qui per dirvi doppiamente grazie, prima di tutto come vigili del fuoco ma al tempo stesso anche in quanto artigiani che spesso fanno parte dei Corpi volontari e che comunque tanta parte attiva rivestono in quel complesso e drammatico fenomeno chiamato Tempesta Vaia”.

Con queste parole il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha preso parte stamani alla cerimonia che l’Associazione artigiani e piccole imprese ha voluto dedicare ai Vigili del fuoco volontari nell’ambito delle iniziative della manifestazione “A come… legno”.

Fugatti, che ha preso la parola dopo il presidente degli artigiani, Marco Segatta, la testimonianza portata dal vigile-artigiano Giovanni Dellagiacoma, ed il saluto del presidente della federazione Corpi vigili del fuoco volontari, Tullio Ioppi, ha ricordato a sua volta i momenti drammatici di quei giorni, i lutti e la devastazione che si è abbattuta sui boschi, su alcuni paesi, sulle coltivazioni di alcune zone del Trentino. “Aver voluto organizzare questo momento – ha detto – è un forte esempio di unità fra attori che giocano ruoli diversi all’interno del sistema trentino, cosa per nulla scontata, che va riconosciuta.

Nella testimonianza ascoltata poco fa abbiamo sentito definire “eterni” quei momenti in cui la tempesta si era scatenata. Credo sia la definizione giusta, come credo sia giusto non dimenticare il rischio che il Trentino ha corso, i pericoli che questi uomini hanno saputo affrontare ed i tanti sacrifici fatti per permettere al nostro territorio di reggere l’urto. Nei giorni immediatamente successivi alla tempesta, durante i tanti sopralluoghi fatti per rendersi conto della reale situazione, ho sempre trovato accanto al sindaco e ai Carabinieri anche i vigili del fuoco volontari: attraverso gli occhi di qualche giovane si capiva quanta paura quei momenti avessero portato”.

“Tanti artigiani sono anche vigili del fuoco volontari – ha quindi ricordato il presidente della Provincia – ed anche dopo le fasi concitate dell’emergenza hanno dimostrato, nelle attività di ricostruzione, di essere sul pezzo. Grazie da parte della Giunta provinciale che assieme a voi non farà venir meno l’intensità degli sforzi che il nostro Trentino richiede per tornare ad essere come prima”.

La cerimonia si è conclusa con il dono degli artigiani al mondo del volontariato pompieristico: una raffigurazione in legno e metallo del bosco attraversato dalle raffiche di vento, ideata e disegnata da Tullia Stocchetti e realizzata da Werner Chemelli, che ha ricevuto la benedizione di don Marco Saiani.