News immediate,
non mediate!

PAT * IL PRESIDENTE HA INIZIATO GLI INCONTRI NEGLI UFFICI DELL’AMMINISTRAZIONE: FUGATTI ALLA POLIZIA AMMINISTRATIVA, « SIETE PREZIOSI PERCHÉ LAVORATE SU PREVENZIONE E SICUREZZA »

Scritto da
11:09 - 1/02/2019

Il presidente della Provincia autonoma di Trento ha iniziato il giro di incontri negli uffici dell’amministrazione. Fugatti alla Polizia amministrativa: “Siete preziosi perché lavorate su prevenzione e sicurezza”.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha iniziato il suo giro esplorativo delle strutture della pubblica amministrazione provinciale. La scelta è caduta sul Servizio polizia amministrativa provinciale: si tratta di una scelta non causale in quanto la polizia amministrativa è stato il primo servizio provinciale ad essere istituito nel febbraio del 1949. L’ufficio istruisce i procedimenti amministrativi per il rilascio delle autorizzazioni di pubblica sicurezza in svariati settori quali spettacoli pubblici, attrazioni viaggianti (circo), manifestazioni motoristiche (Trento Bondone), gare ciclistiche (Giro d’Italia), agenzie d’affari e liquidazioni. “Il vostro servizio – ha sottolineato il presidente nel corso dell’incontro con i dipendenti – è prezioso in quanto garantisce alla popolazione la sicurezza delle manifestazioni, intervenendo anche sulla prevenzione”.

 

Tra le attività principali, il Servizio di polizia amministrativa della Provincia autonoma di Trento verifica, in sinergia con le forze dell’ordine, il rispetto della normativa su fumo e alcol in scuole e locali, con la gestione di ordinanze, sopralluoghi di verifica e gestione degli esposti. Questo ha permesso – come ha sottolineato il responsabile dell’ufficio, Marzio Maccani – di monitorare il fenomeno, soprattutto in ambito giovanile (dai locali alle scuole) delle dipendenze, tra queste alcol, fumo e gioco d’azzardo. “Il tema della prevenzione – ha aggiunto il presidente Maurizio Fugatti – è uno dei punti del programma di legislatura, soprattuto per quanto riguarda la droga. Disporre di uno strumento di verifica diretta ci è di grande aiuto perché dobbiamo alla popolazione delle risposte concrete su fenomeni che destano allarme sociale”.

L’attività della Commissione provinciale di vigilanza, che fa capo al Servizio di polizia amministrativa ed è chiamata a valutare le richieste autorizzative, è molto intensa. Nel corso del 2018 la commissione ha effettuato 32 sopralluoghi, con 70 riunioni, e ha rilasciato 135 visti e agibilità, ed ha emesso 335 verbali. L’ufficio si relaziona abitualmente con diversi soggetti sul territorio: dal Commissariato del Governo alla Questura, dalla polizia ai carabinieri e polizie locali, dalle amministrazioni comunali alle Apt e pro loco o consorzi, per estendersi a federazioni e associazioni sportive, e vigili del fuoco.

Il tempo medio dei procedimenti autorizzativi è di 6,5 giorni lavorativi. “Spesso – ha evidenziato il dirigente Maccani – siamo chiamati ad autorizzare l’organizzazione di manifestazioni, anche complesse e con un grande riscontro di pubblico, in pochi giorni. Questa attività è possibile grazie alla disponibilità e alla preparazione del personale”. Sui tempi dei procedimenti ha concorso, in maniera positiva, anche la semplificazione delle procedure avviate da tempo dal servizio di polizia amministrativa, con il rilascio di cinque modelli predefiniti a seconda della tipologia della manifestazione o delle strutture.

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.