VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT * GIUNTA PROVINCIALE A RONZO-CHIENIS: FUGATTI, « SI TRATTA DI UNA SFIDA DECISIVA, QUELLA DI FAR RIMANERE LE PERSONE E LE ATTIVITÀ ECONOMICHE SUL TERRITORI »

Oggi la Giunta provinciale a Ronzo-Chienis. La tradizionale riunione del venerdì in Val di Gresta. Oggi la tradizionale riunione del venerdì della Giunta si è tenuta in Val di Gresta, terra degli orti biologici, nel Comune di Ronzo-Chienis. Il presidente della Provincia, nel ringraziare il sindaco e gli amministratori comunali, nonché le forze dell’ordine presenti – rappresentate dall’Arma dei Carabinieri e dalla Polizia municipale – e i Vigili del Fuoco, ha voluto ricordare come le tematiche delle aree d’alta quota del Trentino siano al centro dell’agenda di governo, come dimostrano anche gli Stati Generali della Montagna, una grande operazione ascolto, un percorso sul territorio che intende coinvolgere tutti gli attori che lo vivono per elaborare un piano di proposte strategiche per la valorizzazione della montagna.

“Si tratta di una sfida decisiva, quella di far rimanere le persone e le attività economiche sul territorio – sono state le sue parole -. Qui a Ronzo-Chienis c’è una comunità attiva, che offre servizi e attività ai propri cittadini e per questo vanno ringraziati gli amministratori e i tanti volontari che tengono viva questa valle. Siamo qui per conoscervi e capire le vostre necessità, ad esempio sapere che il saldo delle nascite è positivo è davvero un risultato importante”.

“Siamo un Comune delle ‘terre alte’ – ha commentato il sindaco – con 996 residenti, abbiamo un saldo naturale che, dal 2017 ad oggi, è in crescita, anche se di poco, la nostra comunità è dotata di tutti i servizi, dalle scuole – con un asilo nido sovracomunale, scuola materna e primaria -, a farmacia, ambulatorio, edicola, punto di lettura, cassa rurale, caserma dei Vigili del Fuoco, strutture sportive. Abbiamo 13 associazioni e gruppi che si aiutano a vicenda tra loro. Vi sono poi percorsi naturalistici e storici lungo le trincee della Grande Guerra, soprattutto siamo la terra degli orti biologici con una coltivazione biologica che arriva al 90% e un consorzio ortofrutticolo con oltre 150 soci”.

Fra le problematiche sollevate dell’amministrazione comunale, due in particolare sono state quelle sulle quali si è concentrata l’attenzione: “Ci sta molto a cuore la ristrutturazione dell’ex chiesa vecchia nel centro del paese, è stata messa in sicurezza ma è necessario intervenire al più presto – ha aggiunto il sindaco -, l’altra questione da affrontare è l’allargamento della strada di passo Bordala, che passa per il lago di Cei attraverso territori di pertinenza dei Comuni di Isera e Villa Lagarina”. Infine la questione delle gestioni associate e della burocratizzazione “La difficoltà dei piccoli centri come i nostri è gestire appalti e opere pubbliche, è necessaria una sburocratizzazione delle pratiche – ha concluso il sindaco -. Attualmente siamo in gestione con un Comune, Brentonico, che sta a 22 chilometri da noi”.