News immediate,
non mediate!

PAT * DUCATI ENERGIA: « L’ASSESSORE SPINELLI IN VISITA ACCOLTO DALLA VICEPRESIDENTE FEDERICA GUIDI, UN CENTRO DI RICERCA ECCELLENTE CON IMPORTANTI RICADUTE SUL TERRITORIO »

Scritto da
19:27 - 27/02/2019

L’assessore Spinelli in visita, accolto dalla vicepresidente Federica Guidi. Ducati Energia: “Un centro di ricerca eccellente con importanti ricadute sul territorio”.

Proseguono gli appuntamenti dell’assessore Achille Spinelli per incontrare le aziende del territorio. Oggi la visita al Centro Ricerche Ducati Energia di Rovereto, in Polo Meccatronica. “E’ senza dubbio una realtà interessante e consolidata – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico, ricerca e lavoro – che investe molto e porta ricadute positive sul territorio. La Provincia, nell’ambito delle leggi di settore, intende offrire supporto alle realtà come queste, che fanno ricerca e hanno al contempo legami con altre aziende della filiera produttiva, offrendo sbocchi in termini occupazionali e di fatturato. Questi investimenti portano benefici all’intero sistema economico locale”.

 

 

Nel cuore di Polo Meccatronica, dentro l’edificio moderno ed ecosostenibile del Corpo L, si trovano gli spazi del Centro Ricerche Ducati, oggi visitati dall’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli. Accompagnato dal presidente di Trentino Sviluppo Sergio Anzelini e da una delegazione di Ducati Energia guidata da Federica Guidi, vicepresidente esecutivo di Ducati Energia. Oltre a visitare il centro di ricerca, l’assessore Spinelli ha potuto conoscere i prodotti realizzati proprio a Rovereto e i progetti aziendali di investimento, anche in prospettiva di incrementare i livelli occupazionali raggiunti.

“La ricerca è importante – ha detto l’assessore Achille Spinelli – così come valorizzare e incentivare le eccellenze che attivano connessioni sul territorio e hanno ricadute non solo economiche”. “Contributi provinciali saranno concessi a fronte di impegni volti a massimizzare le ricadute sul territorio – ha commentato Spinelli – che riguardano il fronte occupazionale, ma anche quelle legate a contratti con l’indotto locale”.

Nato nel 2006 da una collaborazione tra l’Università di Bologna, l’Università di Trento e la Provincia autonoma di Trento, il Centro Ricerche Ducati vede al suo interno un considerevole gruppo di ingegneri dedicati allo sviluppo di soluzioni innovative nell’ambito della riduzione delle emissioni e dei sistemi di trazione alternativa. La scelta dell’ampliamento dei propri spazi a Polo Meccatronica, lo scorso anno, è avvenuta a conferma della situazione favorevole trovata sul territorio trentino, e risponde all’ampliamento dell’attività anche a seguito dell’acquisizione della società Far System, con l’assunzione di nuovi dipendenti e lo sviluppo di progetti legati alla sicurezza nel trasporto ferroviario. Tra i progetti innovativi in questo settore, ad esempio, i supercondensatori in grado di accumulare energia dalla frenata e dalla decelerazione, nell’illuminazione e nella sicurezza.

Oggi il Gruppo Ducati Energia conta circa 900 dipendenti distribuiti in nove stabilimenti in tutto il mondo ed opera in diversi settori di attività tra cui: condensatori, rifasamento industriale ed elettronica di potenza, generatori eolici, alternatori e sistemi di accensione per motori endotermici, veicoli elettrici e colonnine di ricarica, analizzatori di energia, sistemi per il telecontrollo delle reti elettriche, segnalamento ferroviario, sistemi ed apparecchiature autostradali e per il trasporto pubblico.

Sul fronte della mobilità elettrica in particolare, l’azienda è nota per “Ducati Free Duck”, mezzi ad alimentazione elettrica ad emissione zero e estremamente silenziosi, ideali per circolare nei centri storici. La ricarica delle batterie al litio impiega dalle 6 alle 8 ore, avviene tramite il collegamento alle apposite colonnine situate negli spazi di rimessa dei mezzi e permette di percorrere fino a 60 chilometri. Il loro peso totale, comprensivo di autista e passeggero, si aggira su un massimo di 350 chili per una velocità consentita di 45 chilometri orari. I Ducati Free Duck a quattro ruote, di cui ora è in fase di studio una versione con volumi più ampi, sono già stati utilizzati in molte città italiane per la consegna della posta e per la raccolta dei rifiuti, oppure per attività di sicurezza e ordine pubblico.

Della linea “Free Duck 2 Wheel and Bike” c’è l’innovativa bicicletta a pedalata assistita con il motore integrato nella corona della ruota e la possibilità di registrare dati ambientali durante la corsa, nata e sviluppata anch’essa a Rovereto. Ducati Energia è anche l’azienda leader in Italia nella produzione di emettitrici self service di biglietti a bordo autobus per il trasporto pubblico locale ed ha realizzato ed installato sistemi di esazione dei pedaggi per conto di concessionarie autostradali aderenti all’AISCAT ed interconnesse nella rete nazionale Italiana (SG)

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.