VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT* “CORRIDOIO DEL BRENNERO”: APPROVATA UNA CONVENZIONE CON L’OSSERVATORIO DI FORTEZZA PER L’ATTIVAZIONE DELL’INFOPOIN

Corridoio del Brennero, si farà l’Infopoint. Approvata una convenzione con l’Osservatorio di Fortezza. Grazie alla collaborazione con il consorzio Osservatorio ambientale e per la sicurezza del lavoro di Fortezza, sarà attivato l’Infopoint dell’Osservatorio per lo sviluppo del corridoio del Brennero e delle connesse infrastrutture provinciali di Trento. Lo prevede la convenzione che è stata approvata dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture e Ambiente Mauro Gilmozzi e che sarà a breve firmata.

“E’ di particolare rilevanza – commenta l’assessore – che in questa fase sia assicurata la massima trasparenza, e quindi partecipazione, della comunità e delle istituzioni locali allo svolgimento di un progetto strategico in grado di condizionare in positivo lo sviluppo dei territori interessati”.

L’Infopoint dovrà svolgere attività di front office per la risposta alle richieste di informazione da parte di chiunque sia interessato a come il “Corridoio del Brennero” sta procedendo; farà anche attività e specifiche iniziative di comunicazione per diffondere la conoscenza del progetto. La convenzione ha durata di un anno ed è rinnovabile fino a tre. Per l’esercizio finanziario 2018 l’esecutivo ha prenotato 24.400 euro (compresi gli oneri fiscali) per dare corso a questa iniziativa.

Si è scelto di avvalersi dell’esperienza dell’Osservatorio di Fortezza, considerato che opera da anni sulle stesse tematiche che coinvolgono l’Osservatorio di Trento in relazione alla realizzazione del Tunnel di Base, che è parte del Corridoio del Brennero.

L’Osservatorio per lo sviluppo del corridoio del Brennero, anche attraverso l’attività dell’Infopoint, deve, secondo la legge che lo ha istituito, assicurare l’efficacia delle relazioni con la popolazione oltre che la trasparenza, l’informazione e la partecipazione. Tra i compiti dell’Infopoint anche la predisposizione e fornitura di documentazione, la realizzazione di newsletter informative, l’organizzazione di eventi come visite guidate nei luoghi di scavo, coinvolgendo scuole e associazioni, e la partecipazione a stand e fiere.