VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT * CONCERTO ALL’ALPE TOGNOLA: MORODER, « UNA MAGIA SUONARE LA MIA MUSICA TRA LE DOLOMITI »

Nel pomeriggio di ieri il concerto all’Alpe Tognola a cui hanno assistito oltre un migliaio di persone. Presente anche l’assessore provinciale al turismo. Moroder: “Una magia suonare la mia musica tra le Dolomiti”.

Oltre 1500 persone hanno salutato “Giorgio Moroder – His music, His life, His legend”, l’evento musicale della stagione invernale all’Ape Tognola, a San Martino di Castrozza. In un contesto ambientale unico, imbiancato dalla recente nevicata, l’artista gardenese, vincitore di 3 Premi Oscar, ha regalato oggi uno spettacolo emozionante a fan e appassionati che fin dalla prima mattina erano saliti in funivia a 2.200 metri di quota. ”

Nella mia vita – ha esordito Moroder – ho fatto molti concerti ma questo è uno di quelli speciali. E’ una magia suonare la mia musica tra le Dolomiti”. All’evento ha voluto essere presente anche l’assessore provinciale al turismo che conferma il sostegno della Provincia autonoma di Trento a questo tipo di iniziative: “Lo spettacolo di musica e la festa di pubblico a cui abbiamo assistito ieri – ha spiegato – meritano attenzione da parte delle istituzioni. Il turismo trentino, a partire da quello invernale, è chiamato a migliorare sempre più la qualità dell’offerta turistica per confrontarsi alla pari con un mercato internazionale fortemente competitivo. Questo percorso di crescita passa anche, ma non solo, attraverso eventi unici, come quello di Moroder all’Alpe Tognola. Oggi abbiamo la conferma della bontà di questa scelta”.

L’idea di portare Giorgio Moroder – uno dei musicisti più innovativi e influenti della musica elettronica e della disco music – sulle nevi dell’Alpe Tognola è di Christian Marin, albergatore e presidente del Rally di San Martino.

Sull’Alpe di Tognola, Moroder ha ripercorso i suoi successi, una sorta di “best of”, brani che ha prodotto per Cher, Donna Summer, Bowie, Freddie Mercury, Elton John e molti altri artisti internazionali.

L’esibizione, a quota 2.200 metri, è stata l’omaggio simbolico a questo straordinario compositore. “All’Alpe Tognola – come ha sottolineato l’assessore provinciale al turismo e allo sport – abbiamo ripercorso la vita di Moroder, raccontata attraverso la musica che lui ha creato, in un contesto fortemente legato alle sue origini, le Dolomiti”.

“Il turismo invernale – sottolinea Valeria Ghezzi, presidente del Gruppo Funivie Tognola e presidente Anec – non è solo impianti e piste, elementi fondamentali di qualsiasi destinazione. Il turista cerca sempre più un’offerta di qualità in grado di proporre anche servizi e intrattenimento di qualità. Giorgio Moroder e il suo spettacolo di musica e luci va proprio in questa direzione”.

L’artista, re della disco music degli anni 80, è ritornato da tempo a trascorre buona parte dell’anno nella natia Ortisei, preferita alla California, terra d’adozione dove ha speso gran parte della sua vita professionale.

Moroder, 78 anni, si trova attualmente in tour: “A Celebration of the 80’s” è infatti il titolo della tournée che è partita ai primi di aprile da Birmingham e che attraverserà l’Europa, passando anche da Milano, Firenze e Roma (17, 18 e 19 maggio).

“Il concerto di Moroder – come conclude Antonio Stompanato, presidente dell’Apt di San Martino di Castrozza – è l’occasione per far conoscere San Martino e il Primiero ad un pubblico di persone molto vasto, che va oltre il target dello sci e degli sport invernali. Crediamo in questa formula perché coniuga divertimento e spettacolo, valorizzando le bellezze ambientali”.