VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT * ANNO SCOLASTICO * VISITA SEGNANA ALL’ISTITUTO SACRO CUORE TRENTO: « RAPPRESENTATE IL FUTURO DELLA SOCIETÀ GETTATE LE BASI PER DIVENTARE CITTADINI CONSAPEVOLI » (VIDEOINTERVISTA)

 

Gli abbracci con i compagni di classe, l’appello nel chiostro e poi tutti in classe. Per i ragazzi dell’istituto Sacro Cuore di Trento la campanella è suonata alle 8 in punto. Gli studenti sono stati accolti nel cortile della scuola paritaria – che raccoglie materna, elementari, medie e superiori – dal gestore madre Lorenza Morelli (superiora dell’Istituto delle Figlie del Sacro Cuore), dal preside Alberto Ventroni e dall’assessore provinciale alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana. “Vi auguro un anno scolastico ricco di stimoli ed esperienze positive – sono state le parole dell’assessore, che si è rivolta direttamente ai ragazzi -.
Voi giovani rappresentate il futuro della nostra società ed è dunque importante che, attraverso la scuola, possiate gettare le basi per diventare cittadini consapevoli e sempre in grado di affrontare le sfide che la vita vi riserverà. Questo istituto vi offre un’opportunità in più, rappresentata dai valori cristiani che fanno parte della storia intrinseca dell’istituto e, più in generale, rappresentano le radici sulle quasi si fonda la nostra società. Valori ai quali noi stessi, come amministratori, ci ispiriamo”.
L’istituto Sacro Cuore, fondato nel 1844, ha adottato un piano trilingue che prevede attività in lingua tedesca e inglese a partire dalla scuola dell’infanzia e per l’intero corso di studi. Gli studenti iscritti nell’anno scolastico 2019/2020 sono in totale 685: in 66 frequentano scuola dell’infanzia, in 209 le elementari, in 204 le medie e in 206 le superiori.
Accompagnata da madre Lorenza Morelli e dall’amministratrice Franca Penasa, l’assessore Segnana ha incontrato gli insegnanti, i lavoratori della segreteria e della mensa e visitato la struttura che nel corso dell’estate ha subito importanti lavori di ammodernamento.
L’esponente dell’esecutivo è stata accompagnata inoltre all’interno delle due classi di prima e seconda liceo delle Scienze umane internazionale, un corso sperimentale di 4 anni approvato dal Ministero dell’istruzione.Questo nuovo indirizzo consentirà alle studentesse di arrivare all’esame di maturità un anno prima rispetto ai coetanei, aprendo loro le porte del mondo dell’Università a 18 anni. Le ragazze stesse hanno parlato all’assessore Segnana dell’importante impegno richiesto da questo indirizzo che, accanto alle lezioni frontali con gli insegnanti, prevede dei corsi pomeridiani che le ragazze seguono da casa attraverso un portatile offerto in comodato d’uso dalla scuola.