VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT * ” ALL’OMBRA DELLA PORPORA “: « L’INCONTRO IN ARCHIVIO PROVINCIALE PER CONOSCERE LETTERE E DIARI TRENTINI, IL 10 OTTOBRE »

Negli archivi trentini si celano testimonianze epistolari e diaristiche d’indubbio pregio e interesse per lo studio e la comprensione del polimorfo e controverso mondo dei cardinali durante il ‘lungo’ Settecento. Durante il prossimo incontro organizzato presso l’Archivio provinciale di Trento, lo storico e archivista Alessandro Cont illustrerà una selezione di queste fonti, prendendone in esame le caratteristiche formali e il contenuto testuale.

Il titolo dell’appuntamento, in programma il 10 ottobre alle 17, è “All’ombra della porpora. Lettere e diari trentini sulle dinamiche di potere nei palazzi dei cardinali (secolo XVIII)”. L’iniziativa è riconosciuta ai fini dell’aggiornamento docenti

Negli archivi trentini si celano testimonianze epistolari e diaristiche d’indubbio pregio e interesse per lo studio e la comprensione del polimorfo e controverso mondo dei cardinali durante il ‘lungo’ Settecento. Due ragioni, in particolare, concorsero alla sedimentazione di questi preziosi documenti, confermando, una volta di più, quanto fosse labile, e spesso inesistente, il confine tra sfera pubblica e dimensione privata nella società di Antico Regime. Alcuni dei più influenti cardinali nella “Chiesa di Germania” e nella Monarchia Austriaca del secolo dei Lumi, infatti, nacquero nei territori trentino-tirolesi e a questi rimasero profondamente legati per affetto personale e/o per convenienze politico-dinastiche.

Inoltre, una serie notevole di aristocratici e colti Trentini prestarono servizio alla Casa d’Asburgo presso la Santa Sede e qui seppero intessere dei proficui rapporti di natura clientelare che li legarono, nel contempo, ai vertici della gerarchia prelatizia cattolica.

Durante il prossimo incontro organizzato presso l’Archivio provinciale di Trento, lo storico e archivista Alessandro Cont illustrerà una selezione di queste fonti, prendendone in esame le caratteristiche formali e il contenuto testuale. Grazie a un approccio del genere, sarà possibile riscoprire l’accorto cardinale Leopoldo Ernesto Firmian alle prese con la Guerra di successione bavarese, svelare la carriera del controverso Pietro Saverio Trentini che divenne il potente favorito del cardinale Wolfgang Hannibal von Schrattenbach, intravvedere il colto Giovanni Benedetto Gentilotti avvolto dall’insidiosa aura cerimoniale della Corte di Roma e riannodare i fili del patronage del cardinale Philipp Ludwig von Sinzendorf nei confronti di alcuni illustri personaggi trentini. A una presenza storica ‘inquietante’ e ‘perturbante’ spetterà inoltre il compito di rendere ancora più vivace, bellicoso e affascinante il percorso storico-documentario, del quale essa suggellerà la drammatica conclusione.