Fugatti: “Solidarietà al personale di Trentino Trasporti e alla Polizia municipale. Il sistema dei controlli sugli autobus comunque funziona”. A proposito dell’episodio avvenuto ieri a Trento, protagonista un passeggero sprovvisto di biglietto che ha dato in escandescenze.

“Esprimiamo la nostra solidarietà al personale di Trentino Trasporti e agli Agenti della Polizia municipale aggrediti ieri da un cittadino di nazionalità nigeriana trovato a bordo di un autobus urbano, a Trento, sprovvisto di biglietto, e sottoposto alle misure che abbiamo recentemente adottato per la lotta all’evasione. In certe circostanze, purtroppo, attività come questa possono essere rischiose.

Dobbiamo pertanto essere doppiamente grati a chi le svolge, perché fa rispettare la legge e perché lo fa esponendosi ad un potenziale pericolo”. Queste le parole del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, in merito ad un episodio avvenuto ieri su un autobus della Trentino Trasporti e poi ad una fermata urbana dove il passeggero in questione in questione era stato fatto scendere.

“Sottolineiamo però – aggiunge il presidente Fugatti – che le misure che abbiamo adottato per la lotta all’evasione, ma anche per garantire la sicurezza del personale dell’azienda e dei passeggeri, come l’ingresso dalla porta anteriore, la cabina blindata e il pulsante di emergenza, stanno dando i loro frutti. Le verifiche sono efficaci, i passeggeri che viaggiano senza biglietto sono drasticamente diminuiti, gli interventi di contenimento nei confronti di eventuali viaggiatori aggressivi, anche in sinergia fra personale verificatore e agenti della Polizia urbana, funzionano”.