In via Segantini si sono festeggiati stasera i 50 anni dei Giovani Cooperatori trentini. Tonina ai giovani cooperatori: “Adoperatevi per il bene della collettività con intraprendenza e passione”.

Una ricorrenza di particolare significato i cinquant’anni dei Giovani Cooperatori Trentini che sono stati celebrati oggi in via Segantini in occasione dell’assemblea dell’associazione, alla presenza del vicepresidente e assessore alla cooperazione della Provincia autonoma di Trento Mario Tonina e di numerosi giovani associati. “Grazie per il vostro impegno e di essere qui a festeggiare. Un compleanno deve essere un momento di festa e di riflessione e se voi siete qui oggi è perché siete stati “contaminati”, in senso buono, dal modo particolare di fare impresa che rappresenta la forma cooperativa” ha detto il vicepresidente. Citando i principi che stanno alla base dell’aggregazione cooperativa Tonina ha sottolineato che si tratta di “un modo efficace di fare impresa, basata da un lato sull’imprenditoria economica e dall’altro sui i valori della socialità e dell’attenzione alla persona”. Ciò che contraddistingue una società cooperativa, ha detto ancora Tonina, è l’obiettivo di fondo che persegue: l’utile non è il fine, ma il mezzo attraverso il quale soddisfare i bisogni degli associati. “Voi rappresentate il futuro e noi contiamo su di voi, quindi vi chiedo di continuare ad adoperarvi per il bene della collettività con intraprendenza e passione. Sono certo che da voi arriveranno stimoli importanti. Noi come Provincia e come Federazione trentina della cooperazione vi accompagneremo in questo percorso di crescita”, ha concluso il vicepresidente.

Dopo i saluti istituzionali, a cui hanno preso parte il presidente dell’associazione Luca Riccadonna e la presidente della Federazione Trentina della Cooperazione Marina Mattarei, sono stati proposti alcuni momenti tra storia, attualità e futuro dei Giovani Cooperatori Trentini, che dal 1969 si pongono l’obiettivo di diffondere e far conoscere ai giovani tra 16 e 35 anni i principi di mutualità e di solidarietà alla base del movimento cooperativo. Partendo dagli albori dell’associazione, la serata è continuata con un focus dedicato ai giovani Cooperatori oggi e con l’illustrazione del progetto Cooperazione 2040. Molte le testimonianze di giovani e meno giovani con esperienze di cooperazione e la presentazione di un progetto vincitore di una borsa di studio. A seguire, la tavola rotonda dal titolo “Giovani imprenditivi”, coordinata dal sociologo Flaviano Zandonai.