Il presidente Fugatti e il landeshauptmann Haslauer aprono un fine settimana di celebrazioni in ricordo dei 400 anni dal principato di Paride Lodron. A Villa Lagarina Trentino e Salisburgo siglano una nuova dichiarazione d’intenti per la collaborazione reciproca.

Una dichiarazione d’intenti per un proficuo rapporto di collaborazione fra la Provincia autonoma di Trento e il land Salisburgo, per uno scambio culturale nel settore linguistico, della ricerca scientifica, delle arti figurative, della musica e delle attività a favore dei giovani, è stata siglata nel tardo pomeriggio di oggi a Villa Lagarina dal presidente Maurizio Fugatti e dal landeshauptmann Wilfried Haslauer. La sottoscrizione riprende una serie di protocolli firmati dalle due amministrazioni negli anni dal 1982 al 1999 e apre un fine settimana di incontri e cerimonie che vogliono sottolineare l’importanza ed il valore degli stretti legami storici, politici, economici e culturali che, per secoli, hanno caratterizzato i rapporti fra le due regioni e che Trentino e Salisburgo intendono riprendere in modo più intenso.
Una delegazione composta da importanti figure istituzionali del Land austriaco è, infatti, in visita da oggi a Villa Lagarina, per commemorare congiuntamente al Trentino i 400 anni dall’inizio del principato di Paride Lodron, il nobile prelato di origini lagarine che strinse in modo ancora più forte i legami già esistenti tra Salisburgo e il Welschtirol, l’attuale Trentino.
“La vostra presenza testimonia l’importanza che date al legame fra le nostre comunità, unite da una storia comune di cui Paride Lodron è un esempio” ha detto il presidente Fugatti. Anche il landeshauptmann Haslauer, ringraziando per la cordiale accoglienza, ha ricordato alcuni esempi dei rapporti storici e culturali esistenti fra le due regioni. Dopo la sottoscrizione della lettera di intenti, Haslauer ha ricevuto dal presidente Fugatti l’Aquila di San Venceslao, l’onorificenza più importante dell’Autonomia trentina.

Oltre al landeshauptmann Wilfried Haslauer, accolte oggi pomeriggio a Palazzo Libera dal sindaco di Villa Lagarina Romina Baroni, fanno parte della delegazione salisburghese il direttore generale del Land Sebastian Huber, la presidente del Consiglio provinciale Brigitta Pallauf, il consigliere provinciale Josef Schöchl, il direttore della polizia del Land Franz Ruf e il capo delle Circoscrizioni cittadine Reinhold Mayer. Il Trentino era rappresentato, oltre che dal presidente della Provincia e dall’assessore Achille Spinelli, dal presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder. Insieme a voler commemorare congiuntamente al Trentino i 400 anni dall’inizio del principato di Paride Lodron, la presenza delle massime cariche istituzionali del Salisburgo e del Trentino a Villa Lagarina sono il segno dell’intenzione di rinnovare il proficuo ed amichevole rapporto di collaborazione già instaurato in passato. Due brevi momenti musicali, curati dal maestro di pianoforte Franco Bosio, hanno aperto e concluso la cerimonia di oggi.

La nascita dell’Arge Alp nel 1972, il primo organismo di collaborazione interregionale transfrontaliera dell’arco alpino di cui tra l’altro il Salisburgo in questo periodo detiene la presidenza, non solo ha segnato una tappa fondamentale nell’ambito dei rapporti di collaborazione fra le regioni aderenti, ma ha anche contribuito a mettere in evidenza la presenza di molteplici settori e tematiche di comune interesse che hanno spinto poi singole regioni ad approfondire la collaborazione anche a livello bilaterale. Per quanto riguarda il Land Salisburgo e la Provincia autonoma di Trento, già nel 1981 venne stipulato un accordo di gemellaggio, seguito nel maggio 1982 alla firma del primo protocollo d’intesa per la sua realizzazione, con la definizione di alcuni obiettivi principali. Da allora e fino al 2004, il protocollo d’intesa venne rinnovato ogni cinque anni e molti sono stati i progetti e le attività realizzate nell’ambito di tale cornice, a beneficio e crescita reciproca delle due comunità.

Per concretizzare la volontà di voler ridare vita e incentivare i rapporti di collaborazione, verrà prossimamente costituito un gruppo di contatto, composto da funzionati designati dai due Presidenti, incaricato di intraprendere misure concrete. Negli oltre 20 anni di intensa collaborazione fra Trentino e Salisburgo le iniziative e i progetti di scambio realizzati hanno prodotto risultati molto significativi, soprattutto nel campo della cultura, della musica e delle arti figurative. A questa collaborazione va attribuita ad esempio la nascita, nel settembre del 1988, del Festival mozartiano di Rovereto; a Salisburgo è stata “esportata” una sezione del Filmfestival della Montagna di Trento; numerosissimi sono stati gli scambi di artisti salisburghesi e trentini nell’atelier delle due regioni, assieme a varie collaborazione fra scuole musicali, scambi di insegnanti, di mostre e rassegne diverse.