VIDEONEWS & sponsored

(in )

PASSAMANI – DE GODENZ -TONINA * QUESTION TIME: GESTIONE EMERGENZA PROTEZIONE CIVILE / SCREENING MAMMOGRAFICI / AGEVOLAZIONI CARBURANTE AGRICOLO

Convenzione Provincia-Ordini professionali per la gestione dell’emergenza nel campo della Protezione civile

Dal settembre del 2015 è in corso una convenzione tra la Provincia Autonoma di Trento e gli ordini professionali degli Ingegneri e degli Architetti della nostra Provincia iscritti nei rispettivi albi degli Ordini professionali.

L’accordo di collaborazione prevede il coinvolgimento dei liberi professionisti, in ragione della loro specifica competenza tecnica, nelle attività di gestione delle emergenze. La convenzione disciplina i rapporti funzionali, organizzativi e finanziari legati alla partecipazione, a titolo volontario e gratuito, dei liberi professionisti iscritti nell’Ordine degli Ingegneri e nell’Ordine degli Architetti della Provincia di Trento, alle attività di protezione civile di gestione delle emergenze.

Si rileva che un’altra figura professionale con competenze utili alla gestione delle emergenze di protezione civile è quella dei geometri. Si interroga la Giunta provinciale per sapere quali elementi di valutazione abbiano escluso gli iscritti al Collegio dei Geometri dalla sopracitata convenzione.

cons. Gianpiero Passamani

 

*

Situazione screening mammografici in tutto il Trentino

Dal 2014 lo screening mammografico ad elevata efficacia viene eseguito solo a Trento e Rovereto, dopo la decisione di accentrare tale servizio e non effettuarlo più negli ospedali di valle.

Già in una precedente interrogazione, datata 2015, il sottoscritto aveva sottolineato una sensibile diminuzione degli accessi agli esami di screening nelle valli-in particolare nel distretto provinciale Est – che testimoniava come decidere di allontanare un importante servizio dalle utenti interessate potesse provocare conseguenze gravi quali la diagnosi tardiva e il potenziale aumento di tumori al seno.

La diminuzione dell’adesione ai controlli, in parte dovuta alla necessità di sobbarcarsi lunghi viaggi in auto o con mezzi pubblici concentrati in poche fasce orarie impegnando comunque molte ore, ci aveva portati a richiedere di riattivare i mammografi nelle valli: l’assessore in quell’occasione aveva spiegato che in termini assoluti il calo di controlli era stato minimo e che comunque l’adesione all’esame era ben oltre la soglia del 70%, standard sufficiente a livello nazionale.

Interessandoci però alla salute del 100% delle trentine, al fine di sapere se vi è stato un calo di controlli rispetto a quando i mammografi erano attivi nelle valli, interroghiamo l’assessore per conoscere i dati delle mammografie effettuate a Trento e Rovereto nel periodo 2015-2018 suddivise ovviamente per valli di provenienza.

 

*

cons, Pietro De Godenz

Agevolazioni sul carburante agricolo per la conduzione di fondi rustici condotti a titolo di comodato e relative autocertificazioni

La Direzione centrale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha adottato il 16 gennaio 2018 una circolare in materia di autocertificazione per l’assegnazione agevolata dei carburanti utilizzati in lavori agricoli a modifica della precedente, del 15 settembre 2017, che prevedeva per tutti i terreni in comodato l’obbligo di forma scritta e registrazione, rinviandone la decorrenza alla successiva assegnazione annuale.

La circolare di gennaio stabilisce, invece, la possibilità di attestare l’esclusiva disponibilità del terreno attraverso una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da parte del comodatario; la dichiarazione deve essere presentata, nella generalità dei casi, anche dal proprietario fondiario comodante, al fine di autocertificare l’avvenuta attribuzione della piena disponibilità del terreno al soggetto comodatario.

Nella circolare di gennaio vengono date anche indicazioni riguardo la conduzione dei fondi rustici. Ciò premesso, chiedo all’assessore competente se si è preso atto della circolare dell’Agenzia delle Dogane del 16 gennaio scorso, se ha provveduto alle conseguenti comunicazioni ai Centri di Assistenza Agricola e se conferma che, nei casi di conduzione di fondi rustici a fronte della limitata estensione degli stessi, e cioè inferiore a 5000 m² in zone montane, è ammessa la dichiarazione sostitutiva di atto notorio sottoscritta dal solo soggetto interessato all’ottenimento dell’agevolazione in cui si attesti l’esclusiva disponibilità del terreno identificato.

cons. Mario Tonina