VIDEONEWS & sponsored

(in )

PACCHER (LEGA TRENTINO) * VIABILITÀ: « VARIANTE DEL TESINO, IL PATT PRIMA LA BLOCCA E POI CI CRITICA »

Non capiamo le polemiche che sono state poste in essere dal PATT dell’ex assessore Michele Dallapiccola in merito alla variante del Tesino dato che sono stati proprio loro nel 2017 a bloccarne i lavori. Ricordo che di variante del Tesino si parla ormai da alcuni decenni: prima progetti su progetti, discussioni infinite tra Comuni. Nel 1997 fu anche appaltata, ma il ricorso dei Comitati aveva bloccato l’iter. Nel 2003 un nuovo progetto, con l’apertura del cantiere prevista per il 2004 per un costo di 32milioni di euro. Poi nel 2017 quando a governare il Trentino vi era il Patt con Dallapiccola assessore provinciale, la decisione di revocare il finanziamento e accantonare definitivamente l’opera.

Aggiungo inoltre che tale variante, nonostante nel programma di governo del centrodestra ci fossero una serie di opere per migliorare la viabilità della Valsugana (parte di esse già in fase di realizzazione), non sia prevista anche se i problemi riguardanti il Tesino sono all’attenzione della maggioranza e della Giunta provinciale. La prossima volta qualcuno farebbe meglio a ricordarsi ciò che ha fatto (o non fatto) quando governava e non a continuare a criticare a priori il lavoro fatto da questa maggioranza che sta rimediando a decenni di immobilismo da parte del centrosinistra. Dallapiccola come molti altri suoi colleghi di centrosinistra sembra aver scoperto l’esistenza della Valsugana e del Tesino solo dopo essere finito all’opposizione perché quando era in giunta Provinciale non si è curato più di tanto delle richieste che giungevano da quel territorio.

Questo quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Roberto Paccher.