Vittorio Sgarbi: Al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Al ministero per gli Affari regionali e Autonomie Francesco Boccia – Al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini.

per sapere,

premesso che, con ossessivo impegno e senza mai affrontare questioni di merito, il Consigliere Alex Marini dell’Assemblea Provinciale di Trento, produce atti ispettivi di carattere intimidatorio, del tutto estranei alla sua attività istituzionale; che tale azione si configura anche in termini penali come una manifestazione di stalkeraggio travestita da azione politica;

che le pretese relative alle funzioni di un singolo cittadino hanno carattere ritorsivo;

che il Mart,il museo d’arte moderna e contemporanea di Rovereto e Trento ha, anche in tempi di emergenza,una operosita’ garantita da una direzione rigorosa e da una presidenza rispettosa e assidua,autonoma e culturalmente propositiva;

che le pretese e le censure relative alle funzioni di un singolo cittadino hanno carattere ritorsivo;

che l’articolo 21 e l’articolo 68 della Costituzione tutelano le opinioni e i voti di un parlamentare anche da indebite ingerenze manifestate abusando di organi istituzionali;

quali misure il Governo intenda assumere per trasmettere all’Assemblea della Provincia di Trento le elementari nozioni democratiche sui diritti e doveri dei cittadini e dei loro rappresentanti , e sulle prerogative dei consiglieri provinciali nel rispetto delle istituzioni,sanzionando gli abusi di chi utilizza organi istituzionali per polemiche personali ,estranee al confronto e alla dialettica politica.

 

*
On.Vittorio Sgarbi