VIDEONEWS & sponsored

(in )

NURSING UP TRENTO * CAMPAGNA VACCINALE: HOFFER, « CHIEDIAMO ALLA PAT ASSUNZIONI IMMEDIATE E L’ATTIVAZIONE DELLE PRESTAZIONI PROFESSIONALI AGGIUNTIVE ADEGUATAMENTE RETRIBUITE »

Nei prossimi mesi verrà attuata nella nostra Provincia una massiccia campagna vaccinale che riguarderà tutti i cittadini trentini che vi aderiranno. Lo sforzo organizzativo richiesto ai professionisti sanitari dell’Azienda sanitaria trentina sarà straordinario e sarà necessario ed imperativo adottare tutte le modalità organizzative possibili per reperire ed attivare tutte le risorse umane necessarie, per arrivare prima possibile all’immunità di gregge.

Uno strumento fondamentale, peraltro già previsto dal vigente contratto di lavoro, è costituito dalle prestazioni orarie in regime libero professionale (POA), che mettono nelle condizioni l’organizzazione di poter disporre di professionisti sanitari competenti ed addestrati al di fuori del normale orario di lavoro, pensiamo ad esempio al fondamentale ruolo strategico esercitato dalle assistenti sanitari ed a quello indispensabile del personale infermieristico.

Il governo italiano con l’art.1 comma 464 della Legge nr. 178/2020 ha stabilito che tali prestazioni saranno retribuite 50 euro all’ora, ma purtroppo le risorse destinate a tal fine alla nostra Provincia (circa un milione di euro) appaiono del tutto insufficienti a soddisfare l’enorme sforzo organizzativo richiesto.

Vista l’importanza strategica della campagna vaccinale, abbiamo chiesto a Fugatti e Segnana di individuare a livello provinciale ulteriori risorse economiche, volte a riconoscere le prestazioni aggiuntive retribuite ai sensi dell’art.1 comma 464 della Legge nr. 178/2020.

Questo permetterebbe di mobilitare la disponibilità del maggior numero di personale per garantire una campagna vaccinale più veloce ed efficace possibile, elemento fondamentale e decisivo per uscire da questa grave situazione pandemica. L’obbiettivo deve essere anche quello di alleggerire l’enorme pressione ancora gravante sugli ospedali, consentendo nel contempo di riaprire le attività commerciali prima possibile. Il valore dei nostri professionisti deve essere finalmente riconosciuto, siamo professioni sanitari con elevata formazione in ambito universitario e la qualità delle nostre prestazioni, frutto di anni di studio ed esperienza, deve avere un adeguato riconoscimento! Riteniamo sia importante in questo momento lanciare un segnale concreto nei confronti di chi, da sempre, ha contribuito, come anche in questa emergenza pandemica, ad evitare l’implosione dei servizi sanitari della nostra provincia, a costo di enormi sacrifici personali.

Un altro problema è il continuo depauperamento di professionisti sanitari distolti dalle strutture sanitarie per garantire la campagna vaccinale, il prezzo lo pagano gli ospedali dove gli organici infermieristici sono già ridotti all’osso, bisogna procedere a celeri assunzioni. Ci domandiamo come mai ancora tanti nostri colleghi continuano a chiamarci e seppur presenti nelle graduatorie, non vengono assunti in azienda sanitaria, non è certo il momento di fare le nozze con i fichi secchi! Come potranno godere delle meritate ferie estive tanti nostri colleghi?
Ora sarà fondamentale contrastare con il massimo della potenzialità assistenziale la pandemia, velocizzando il più possibile la vaccinazione per limitare contagi e decessi, senza però nel contempo dimenticare i bisogni di salute dei nostri cittadini più fragili, che durante la pandemia sono stati trascurati, questa sarà la sfida più grande.

 

*

Cesare Hoffer
Coordinatore Provinciale sindacato Nursing up Trento