VIDEONEWS & sponsored

(in )

NOT – SENTENZA CONSIGLIO STATO: ROMANO, NOI CONTRARI A FINANZA DI PROGETTO

(Fonte: Antonia Romano) – L’Altra Trento a sinistra ha da sempre manifestato la propria contrarietà alle grandi opere inutili, soprattutto se affidate a meccanismi di finanza di progetto.

La dismissione con conseguente abbandono dell’esistente per la creazione di nuove mega strutture, costosissime e di impatto fortemente negativo in termini anche di consumo di suolo e di devastazione paesaggistica, sono pratiche da contrastare.

Per non parlare delle ricadute devastanti che l’ormai deprimente vicenda Not ha avuto e avrà sulle finanze, sull’economia.

La ristrutturazione del vecchio ospedale santa Chiara, che comunque nel panorama nazionale non risulta di certo inefficiente e neppure fatiscente e il recupero di forme di intervento sanitario in strutture adeguate nelle diverse valli del Trentino sono più compatibili con una politica di intervento che cerca di conciliare le necessità di benessere e salute delle persone, che hanno diritto tutte a essere curate in strutture pubbliche efficienti e moderne, con la necessità di ricorrere a forme di economia che prendano le distanze dall’approccio neoliberista e “arraffazzone” a cui ultimamente si è troppo spesso fatto ricorso.

Con sgomento ci tocca ancora una volta dover commentare l’ennesimo fallimento di un’amministrazione provinciale incapace di gestire i settori più importanti per la nostra società. Inevitabile per noi chiedere le immediate dimissione dei responsabili e delle responsabili di tale disastro innanzitutto politico, in primis di Ugo Rossi già assessore alla sanità.

Non possiamo infatti dimenticare il contributo negativo del suo operato in campo sanitario prima, scolastico e di governatore poi.

Ma non secondario è stato il ruolo di altre figure che, anziché essere rimosse dai loro incarichi, si trovano a occupare posti dirigenziali di rilievo in contesti decisionali importanti ricevendo magari anche un congruo premio produzione.