VIDEONEWS & sponsored

(in )

MUSE TRENTO* PARLIAMO DI BIMBI: L’ALBERO DEI DIRITTI, DOMANI 7 NOVEMBRE

Ritornano anche a novembre le colazioni educative del ciclo “Parliamo di bimbi”, la speciale rassegna di incontri organizzata dal MUSE all’interno dello spazio Maxi Ooh!; momenti di confronto tra genitori e con la guida degli esperti dedicati al rapporto adulto-bambino e al difficile, ma avventuroso, mestiere di crescere.

Gli incontri, cui possono partecipare anche i bambini assieme ai genitori, sono a ingresso gratuito, è consigliata la prenotazione al numero 0461/270311. Il primo appuntamento è martedì 7 novembre alle 09.30 con L’ALBERO DEI DIRITTI, per approfondire l’importanza dei diritti dei bambini e di un contesto di crescita adeguato con gli esperti del Comitato Provinciale di Trento per l’UNICEF. Nel corso di ogni appuntamento, a ingresso gratuito, verrà offerta anche una sana “colazione educativa”.

Come un albero che cresce lungo i fiumi, sulle catene dei monti, nei parchi e nei giardini ha le sue radici piantate nel luogo in cui è nato e cresciuto, un tronco che si consolida lungo l’arco della vita e una chioma frutto del nutrimento assorbito dalle radici, anche i bambini affondano le radici nei luoghi in cui la sorte li fa nascere e crescere, hanno un corpo che si sviluppa lungo l’arco dell’infanzia e dell’adolescenza e una “chioma” che è il risultato del loro sviluppo all’interno della rete di relazioni in cui vivono.

Affinché crescano forti, però, c’è bisogno di un contesto adeguato. Come il terreno dà il nutrimento agli alberi, così la famiglia, il quartiere, la città danno ai bambini e agli adolescenti gli strumenti necessari per crescere e sviluppare al meglio le loro capacità per il bene proprio e della comunità in cui vivranno.
Famiglia, quartiere e città devono lavorare insieme, seguendo un filo rosso che porterà bambini e adolescenti ad assumere consapevolmente le responsabilità della vita. Quel filo rosso sono i diritti contenuti nella Convenzione approvata dall’Assemblea delle Nazioni Unite nel 1989 e che, ad oggi, è diventata legge in 196 Paesi del mondo.