VIDEONEWS & sponsored

(in )

MORANDUZZO (LEGA) * SINDACATI TRENTINI: « ANCORA UNA VOLTA INTERVENGONO FUORI LUOGO, CERCHIAMO DI ESSERE UNITI PER IL BENE DEI TRENTINI »

L’intervento dei Sindacati in occasione di una manovra finanziaria è ormai un classico che se non arriva preoccupa. Scrivono, si lamentano, ma non intervengono quando è necessario intervenire: ormai siamo abituati ai loro comportamenti e sappiamo che tali dichiarazioni vengono fatte solo per scopo politico. Una cosa un po’ triste e che lascia un po’ di amaro in bocca di fronte alla loro importanza storica per tutelare i lavoratori sfruttati. Ora le uniche azioni da loro fatte riguardano critiche strumentali, in piena mancanza di senso di comunità e nell’incapacità di manifestare sinceramente la propria solidarietà ad avversario politico che si trovi a governare in queste circostanze tragiche.

In merito alla manovra ricordo che molte cose sono state dette rispetto alle misure pensate con questa Finanziaria. Spesso, però, alcuni hanno dimenticato che si tratta di una manovra operante in una logica di continuità e consequenzialità rispetto agli interventi imponenti degli scorsi mesi, in un contesto storico caratterizzato dalla pandemia che ha stravolto tutti o molti dei programmi di legislatura, non solo locale.

In questo contesto qua vediamo i sindacati alla continua ricerca di attenzioni da parte della stampa con critiche che paiono fuori luogo e che sono fini a se stesse. Si vuole parlare dei contagi? Benissimo, ma deve essere sempre posta attenzione all’argomento che è più difficile di quello che si voglia pensare e che non deve essere oggetto di speculazioni politiche. Si vuole parlare di lavoro? Benissimo, ma credo che sia fuori luogo pensare che questa amministrazione provinciale non stia facendo tutto quanto in suo possesso per mitigare gli effetti negativi causati dall’emergenza Covid e dalle decisioni prese da Roma. Cerchiamo di essere uniti una volta tanto.

Questo quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale Devid Moranduzzo.