PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (6 puntata format Tv)

***

ASSOCIAZIONE TRANSDOLOMITES

Intervista al Presidente Massimo Girardi

(Progetto Ferrovia Avisio - Mobilità di valle - Trasporto Brt)

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Valerio Staffelli torna sulla vicenda che coinvolge Croce Rossa Italiana, accusata da alcuni ex dipendenti di non aver pagato loro le somme riconosciute dal Trattamento di Fine Servizio (TFS).

Dopo il primo servizio (vedi), alla redazione di Striscia sono arrivate nuove segnalazioni da parte di lavoratori a cui quei soldi spetterebbero di diritto: una situazione incredibile che coinvolgerebbe circa 3mila persone demansionate e finite in mobilità coatta dopo la trasformazione di Croce Rossa in ente privato. Staffelli aveva chiesto chiarimenti all’Inps, la cui risposta è stata inequivocabile: «L’Inps non può provvedere al pagamento del TFS ai dipendenti di Croce Rossa a causa del mancato versamento delle somme dovute dalla stessa Croce Rossa».

Immediata è arrivata anche la replica dell’avvocato Francesco Rocca, presidente dell’attuale CRI, che sostiene che la vicenda riguarda la vecchia gestione (di cui lui, però, faceva parte) e invita l’Inps a rivedere la propria posizione. Insomma, sembra di assistere al più classico degli scaricabarile. Il punto è: dove sono finiti quei soldi? Striscia continua a indagare…