News immediate,
non mediate!

MASÈ (LA CIVICA) * PROPOSTA DI RISOLUZIONE: « IMPEGNATA LA GIUNTA PAT A PROMUOVERE UN SERVIZIO DI SUPPORTO PSICOLOGICO AGLI OPERATORI DELLE RSA »

Scritto da
8:35 - 4/02/2021

Ieri in aula è stata votata all’unanimità una proposta di risoluzione di Vanessa Masè, Consigliere de La Civica, in cui si impegna la Giunta a promuovere un servizio di supporto psicologico agli operatori delle RSA. Gli operatori sanitari costituiscono un gruppo ad alto rischio di sviluppare una vasta gamma di problemi fisici e psicologici a seguito del lavoro diretto o indiretto con pazienti Covid-19.

Alcune strutture già a partire dai primi mesi della pandemia hanno scelto, con grande sensibilità e lungimiranza, di fornire ai propri operatori un supporto psicologico specifico e giustamente ora è intervenuta la Provincia che, raccogliendo anche le istanze provenienti da chi opera nelle strutture, ha deciso di riconoscere nei parametri assistenziali l’attività dello psicologo a supporto dell’equipe RSA a forte rischio di burn out.

L’accoglimento di questa proposta è motivo di soddisfazione soprattutto perché riconosce che lo sforzo profuso da quanti a vario titolo operano a contatto con persone fragili non è solo fisico. Gli ospiti in questa situazione di isolamento e lontananza dai propri cari hanno potuto trovare negli operatori un sostegno indispensabile, anche di natura psicologica.

Il carico di tensione accumulato, dovuto alla quotidiana vicinanza con la sofferenza, può determinare situazioni di stress pesante da gestire a lungo e un supporto psicologico adeguato può aiutare a reggere e gestire la complessità della situazione. Inoltre, fino all’arrivo del vaccino, forte era tra gli operatori la preoccupazione di contrarre il virus o di trasmetterlo ai propri cari aggiungendo un ulteriore carico emotivo.

L’Assessore Segnana ha condiviso il senso della proposta di risoluzione e fatto proprie le motivazioni con cui si sollecita l’attuazione delle linee guida preannunciate nella delibera della Giunta che riporta le “Direttive per l’assistenza sanitaria ed assistenziale nelle RSA per il 2021”. E’ anche molto importante che si tenga conto dell’esperienza fatta da alcune strutture che si erano già attivate in proprio, valorizzando e dando continuità ai percorsi già intrapresi.

Da un lato quindi il testo ha rappresentato l’occasione per dare, una volta di più, il giusto riconoscimento pubblico e mediatico ha chi tanto ha fatto, seppur nelle retrovie, per i nonni ospiti nelle case di riposo, e dall’altro palesa anche la volontà di non voler lasciare da soli gli operatori ad affrontare le difficoltà di reggere una situazione difficile che perdura ormai da oltre un anno.

 

 

*

Vanessa Masè

Consigliere provinciale Trento – La Civica

 

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.