VIDEONEWS & sponsored

(in )

MANICA (PD) * QUESTIONI “TRENTINO DIGITALE“ E “ELEZIONI SAVOI“: « LA LEGA CERCA DI PIEGARE LE ISTITUZIONI AI SUOI INTERESSI DI PARTITO »

La Lega cerca di piegare le Istituzioni ai suoi interessi di partito. Due recenti fatti ci fanno capire come la LEGA del Trentino agisca secondo logiche improvvisate.

Il primo caso è quello di Trentino Digitale, e qui siamo davvero alle comiche. Peccato che ci sia da piangere. Continua la lotta di potere ingaggiata da Fugatti e Spinelli, che da mesi in maniera maldestra stanno cercando di azzerare il cda di Trentino Digitale imponendo allo stesso cda di dimettersi. Per quale motivo? Solo uno: la smania di potere e la voglia di lottizzare politicamente la società. Così nei giorni scorsi la Giunta ha imposto l’integrazione dell’ordine del giorno dell’Assemblea della società con il punto “Revoca e nomina amministratori”.

Poi però all’Assemblea ci ha mandato il direttore generale della Provincia, dott. Nicoletti, il quale ha richiesto la sospensione del punto fatto inserire di imperio qualche giorno prima dalla Provincia stessa. Il motivo? Una (postuma?) differenza di vedute all’interno della Giunta, tra chi smania potere e chi suggerisce invece cautela, ma sicuramente anche una situazione non chiara e affrontata con goffaggine e sciatteria istituzionale, come già rilevato nei mesi scorsi grazie agli atti del Gruppo del Partito Democratico del Trentino (in allegato).

Il secondo caso è quello della vicenda giudiziaria tra Bezzi e il leghista Savoi legata alle ultime elezioni provinciali. Nelle scorse settimane la Regione, pur senza un evidente interesse e competenza, decide di costituirsi. Dopo una mia interrogazione – volta a capire le motivazioni di questa scelta, i costi e i rischi di intervento della Corte dei Conti stante la probabile non titolarità ad intervenire – la Regione – a dispetto dei tronfi proclami – non si è presentata all’udienza del Consiglio di Stato che ha avuto luogo ieri a Roma.

Il quadro che emerge è quello di un uso strumentale delle Istituzioni da parte della Lega, che da un lato cerca di forzare la mano per nominare dei propri membri nel cda di Trentino Digitale e dall’altro tenta di coinvolgere senza titolo la Regione in una causa a tutela di un proprio rappresentate. Un quadro altamente preoccupante visto che stiamo parlando delle persone che dovrebbero garantire la tutela delle Istituzioni dell’Autonomia, non la propria.

 

*

Alessio Manica
Consigliere provinciale – Gruppo del Partito Democratico del Trentino

 

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/06/Interrogazione-Trentino-Digitale.pdf” title=”Interrogazione Trentino Digitale”]

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/06/Regione-Ricorso-Savoi.pdf” title=”Regione Ricorso Savoi”]