VIDEONEWS & sponsored

(in )

LEONARDI (FI) * ASSESTAMENTO BILANCIO PAT: « MANOVRA REALISTICA E CONCRETA, CAMBIO DI PASSO PORTATO AVANTI DAL PRESIDENTE FUGATTI E VOLUTO DAGLI ELETTORI »

Giorgio Leonardi, rappresentante di Forza Italia, esprime un voto positivo all’ assestamento di bilancio che registra «un cambio di passo portato avanti dal presidente della Provincia e voluto dagli elettori»

«Un assestamento di bilancio che si colloca nella direzione indicata dalla coalizione di centro-destra che ha vinto le scorse elezioni e che al proprio interno contiene elementi di grande realismo e concretezza che testimoniano un cambio di passo da parte della Provincia». Con queste parole il consigliere di Forza Italia, Giorgio Leonardi, ha motivato il suo “sì” alla manovra approdata nei giorni scorsi in consiglio provinciale.

«Un buon governo si misura dalla capacità di tracciare un percorso di crescita dei territori e di offrire risposte, concrete e tangibili, ai cittadini», ha dichiarato Leonardi, esprimendo soddisfazione nei confronti degli sforzi messi in campo dalla giunta per la realizzazione di numerose opere pubbliche e infrastrutture, vero motore di sviluppo, come ad esempio la circonvallazione di Rovereto, la bretella della Mira sempre a Rovereto, le varianti di Cles e di Pinzolo.

Accanto a questi Leonardi ha messo in risalto la grande attenzione rivolta alle piccole e medie imprese, ma anche a chi decide con coraggio e passione di rimanere in località di montagna che altrimenti rischierebbero lo spopolamento. E poi le misure a sostegno della famiglia ed in particolare della natalità come il bonus bebè e la gratuità degli asili nido, «un passo necessario per consentire alle donne di conciliare i tempi della famiglia con quelli del lavoro». «Grazie a tutte queste iniziative è stata avviata una nuova stagione, che porterà sicuramente a futuri importanti sviluppi economici».

Inoltre «La Provincia, oggi, – ha dichiarato in conclusione il consigliere – non può più operare come in passato, quando veniva utilizzata come un “bancomat” e non tanto per la solidarietà internazionale, dove siamo i primi a voler aiutare chi ha meno, nonostante in quest’ambito esistano alcune rilevanti criticità. I soldi che gestiamo sono dei trentini, sono frutto del sudore e dei sacrifici dei trentini, e come amministratori dobbiamo tener ben presente questo.

Se del denaro proprio si può farne quel che si vuole, con quelli pubblici la politica ha invece il dovere e l’obbligo di far scelte ponderate e oculate investendo nelle priorità. Questo cambio di passo è stato voluto dagli elettori. Ci attende una sfida difficile, ma stimolante. Noi di Forza Italia ci siamo».