VIDEONEWS & sponsored

(in )

LEGA NORD TRENTINO* INTERROGAZIONE PER IMBRATTAMENTI DI EDIFICI TUTELATI A TRENTO

Nel Comune di Trento è purtroppo frequente l’abitudine da parte di “writers” e altri soggetti di imbrattare muri con scritte deturpanti e graffiti vari, in luoghi non destinati alla libera espressione artistica come le facciate di edifici pubblici e storici.
Da parte dell’amministrazione comunale si apprezza l’azione di pulizia di alcuni edifici imbrattati in alcune zone del centro città, tuttavia pare che l’azione di pulizia non sia abbastanza veloce o efficace per mantenere puliti gli edifici cittadini, dato che non appena “si libera” uno spazio su una parete ecco che nuove scritte ricompaiono.
È encomiabile l’azione che poi si svolge in diversi quartieri e sobborghi da parte di gruppi ed associazioni, i quali si prendono carico di situazioni di degrado o sporcizia e si adoperano per ripristinare il decoro degli ambienti deturpati o sporcati.
È chiaro però che uno sforzo importante deve essere fatto nella prevenzione di tali episodi, in particolar modo gli imbrattamenti nel centro storico di edifici tutelati e sottoposti ai vincoli di cui all’art. 21 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del paesaggio”.
In questi casi, infatti, per poter intervenire con la pulizia di tali edifici, il Comune di Trento deve richiedere l’autorizzazione ad intervenire alla Provincia autonoma di Trento, Soprintendenza per i Beni culturali; tale passaggio può richiedere tempi lunghi, ritardando l’intervento e mantenendo l’edificio imbrattato con scritte e “graffiti” per molti mesi, fino ad alcuni anni. Esempi eclatanti di lunghi tempi di intervento si trovano in tutto il centro di Trento, dal monumento a Degasperi, fino al quartiere delle Albere.
L’acuirsi recente delle azioni di “scrittura abusiva” sui muri dei palazzi storici e sulle chiese di Trento, al di là dei necessari interventi di contrasto a tali azioni, sta mettendo l’accento sull’emergenza di ridare alla città capoluogo un aspetto pulito e ben curato, stimolando la Provincia a risolvere le lunghe attese per le autorizzazioni alla pulizia.
In allegato alcune immagini di recenti scritte comparse sulla chiesa di San Pietro, edificio quattrocentesco, ricostruzione di un altro edificio ecclesiale precedente, risalente al XII Secolo e nel giardino San Marco, dove ormai le scritte si stanno accumulando da più di un anno.

Tutto ciò
premesso,
si interroga
il Presidente della Provincia per sapere:
1. Quante richieste sono pervenute negli ultimi cinque anni da parte dei Comuni per poter intervenire su edifici tutelati, con azioni di pulizia da imbrattamenti;
2. Quante di queste sono pervenute dal Comune di Trento e su che edifici sono state richieste;
3. Quali sono i tempi di rilascio delle autorizzazioni ad intervenire e qual è l’iter per questi tipi
di interventi;
4. Arrivati alle condizioni di oggi, se si ritiene di concedere interventi in tempi brevissimi per il
tempestivo ripristino del decoro del centro storico.
A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.
Lega Nord Trentino
In allegato materiale fotografico.
Cons. Maurizio Fugatti ____________________________